Docenti di religione, Ruscica (Snadir): “Condizione scandalosa, no al precariato, sì a procedura straordinaria di assunzione” [VIDEO INTERVISTA]

Stampa

“Gli insegnanti di religione dicono no alla condizione scandalosa in cui versano. No al precariato e presto l’Unione Europea sanzionerà questa situazione”. Così a Orizzonte Scuola interviene Orazio Ruscica, presidente Snadir-Fgu.

“Chiediamo semplicemente che il 30% dei docenti di religione siano in organico di diritto su posti vacanti e disponibili. Ingiusto tenere questi docenti nella condizione di precarietà per norma di legge. L’aumento della quota di stabilizzazione deve essere aumentata dal 70 al 90%”, aggiunge.

E sul concorso dei docenti di religione: “Chiediamo che non ci sia nessuna discriminazione. Quello che è stato fatto con l’articolo 1 bis della legge 159/2019 è una palese discriminazione per motivi religiosi. Chiediamo che ci sia lo stesso trattamento per tutti gli altri docenti. Non solo ci sono 36 mesi di servizio, ma anche 10-15 anni di precariato. Siamo disponibile ad accettare una procedura straordinaria non selettiva, poi graduatoria ad esaurimento”.

Intervista a cura di Elisabetta Tonni

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti