Docenti di infanzia e primaria. Fedeli: “penseremo a loro nella Legge di Bilancio” E’ la volta buona del potenziamento?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Infine – ha detto la Ministra Valeria Fedeli ieri in audizione alla Camera – non mi sono dimenticata della scuola dell’infanzia e primaria, né del personale ATA”

“Ho proposto – ha proseguito – per la legge di bilancio apposite misure relative ad entrambi, che sto concertando con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il MEF.”

Se per gli ATA le indiscrezioni ci sono già, ossia sappiamo che il Ministro Fedeli avrebbe richiesto 6mila posti in più rispetto al turnover dei pensionamenti del personale ATA e che è stata ripresa la questione del divieto di effettuare supplenze per il personale ATA fino a sette giorni, per quanto riguarda invece il personale docente di infanzia e primaria non ci sono anticipazioni.

Per l’infanzia potremmo pensare all’introduzione del potenziamento, più volte richiesto dopo la beffa dell’esclusione del piano straordinario di assunzioni nel 2015, e sempre rinviato per mancanza di fondi.

Per infanzia e primaria in ogni caso si attende l’esito della Plenaria del Consiglio di Stato, calendarizzata per il 15 novembre. Una decisione che potrà incidere significativamente sulla composizione delle graduatorie, nonchè sulle immissioni in ruolo.

Ministro Fedeli in audizione in VII Commissione: concorsi a cattedra, supplentite, dirigenti, DSGA. Il testo integrale

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione