Docenti assunti al centro-nord: Sicilia, torneremo nonostante tutto. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Cristina Donzella – Noi siamo figli di questa terra che non ci vuole. Di una terra che ci illude con i suoi colori, i suoi profumi inebrianti, il suo essere “madre”, ma che in realtà, dopo averci indotto ad amarla, ci manda via.

Terra natìa, passato di ideali e fatica nel costruire un’identità.

La speranza e la maledizione di vedere i propri sogni infranti, la nostalgia di ciò che era e sarebbe potuto essere e la crisi di ciò che è, il presente doloroso e il futuro incerto. Ma il flusso dei sentimenti e delle sensazioni ha talvolta difficoltà a disancorarsi dalla concretezza della realtà allora quel paesaggio che vantava l’aggettivo di ‘casa” si popola di persone, problemi, numeri ai quali l’unica soluzione apparente sarebbe il soccombere, ma noi siamo figli dei Vespri Siciliani, fieri eredi di popoli dominatori, l’essere indomiti è nel nostro DNA e non ci piegheremo a questa logica che ci vuole piegati e sottomessi.

Si va avanti per tornare in questa terra che non ci vuole, ma che non sa di avere bisogno di noi.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione