Docenti aggrediti, Valditara: “Impensabile che gli insegnanti siano presi a schiaffi e pugni”. Sull’assicurazione: “Assurdo che nessuno ci abbia pensato prima”

WhatsApp
Telegram

“Sapete quante segnalazioni mi stanno arrivando di aggressioni che riceve il personale della scuola? È impensabile che un docente venga preso a schiaffi e a pugni. E anche sull’assicurazione per i docenti, com’è possibile che nessuno ci abbia pensato prima? Tutta la Pubblica amministrazione è assicurata, solo il personale della scuola no”.

Queste sono le parole di Giuseppe Valditara, il Ministro dell’Istruzione e del Merito, che ha espresso profonda preoccupazione per l’incresciosa violenza contro il personale scolastico e l’assenza di adeguata assicurazione per loro.

Il Ministro ha sottolineato l’importanza di garantire un ambiente sicuro per gli insegnanti, un componente fondamentale per l’istruzione di qualità. Valditara ha dichiarato di aver ricevuto un numero inquietante di segnalazioni di violenze fisiche contro il personale scolastico, un fenomeno che considera “impensabile” e inaccettabile.

“Questi atti di violenza non solo mettono a rischio la sicurezza fisica dei nostri educatori, ma danneggiano anche l’atmosfera positiva e di apprendimento che dovremmo promuovere nelle nostre scuole”, ha dichiarato Valditara. “È assolutamente fondamentale che i nostri insegnanti si sentano sicuri e sostenuti mentre svolgono il loro prezioso lavoro”.

Il Ministro ha poi sollevato un’altra questione urgente: l’assicurazione per i docenti. “Com’è possibile che nessuno ci abbia pensato prima?”, ha chiesto. Mentre tutto il resto della Pubblica amministrazione ha una sorta di copertura assicurativa, il personale scolastico sembra essere stato trascurato.

In risposta a queste problematiche, il Ministro ha promesso di esplorare varie soluzioni. Valditara ha suggerito di rafforzare le misure di sicurezza nelle scuole e di indagare sulla possibilità di estendere la copertura assicurativa a tutti i membri del personale scolastico.

“È nostra responsabilità come società proteggere coloro che stanno formando la prossima generazione di cittadini”, ha detto Valditara. “Non ci fermeremo fino a quando non avremo garantito che ogni insegnante sia sicuro e supportato, sia fisicamente che economicamente”.

I docenti meritano rispetto e protezione e Valditara ha reso chiaro che è ora di porre fine all’ingiustizia.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta