Docenti abilitati in GaE, Camera anticipa esame Mille-proroghe

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Prende il via con una settimana di anticipo rispetto ai lavori programmati, il delicato esame dell’emendamento salva-precari della scuola, con cui il Parlamento potrebbe riaprire le GaE ai docenti precari abilitati e sul quale il Senato si è già espresso favorevolmente ad inizio agosto.

Ad occuparsene, in particolare, saranno la I e la V Commissione di Montecitorio, relatori Baldino e Buompane, un giorno dopo la remissione alla Consulta del concorso riservato dalla Legge 107/2015 attraverso l’ordinanza n. 5233/2018.

Cresce, di conseguenza, l’attenzione di decine di migliaia di docenti supplenti, tutti abilitati all’insegnamento, su come si comporteranno i parlamentari. Come cresce il numero di coloro che hanno già aderito alla manifestazione nazionale dell’11 settembre, nel giorno dello sciopero Anief, per il quale continuano a giungere riscontri positivi di diverse altre organizzazioni sindacali e associazioni di categoria, tutte convinte della bontà della richiesta di conferma dell’emendamento apri-GaE (comma 3-quienquies, art. 6).

Sarebbe l’unica soluzione per evitare il caos nelle nostre scuole, con l’aggravante che tantissimi docenti perderebbero la possibilità di lavorare e altrettanti alunni costretti a cambiare una percentuale ingente di insegnanti”, ribadisce Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, che per l’occasione ha chiesto di incontrati i politici coinvolti e i rappresentanti della maggioranza e dell’opposizione politica.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione