Docenti abilitati: assumeteci da II fascia di istituto. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviata da Mara Concas e colleghe, docenti abilitate Pas. Lettera aperta alla Commissione Cultura della Camera – Onorevoli, in questi giorni alla Camera si sta votando il cosiddetto “Decreto Dignità”: purtroppo ancora niente si sta facendo e si vuol fare per quei lavoratori che da anni aspettano sia loro restituita la dignità, i docenti della seconda fascia d’istituto della scuola secondaria, abilitati PAS e TFA. 

Posto che qualche passo in avanti è stato fatto, come l’abolizione del comma 131 riguardante il tetto di 36 mesi di supplenze, in realtà sul fronte della stabilizzazione di noi precari storici della secondaria non si intravede niente di concreto: il nostro destino rimane legato ad un transitorio che è tutto, fuorché una soluzione equa, per moltissimi motivi che Voi sicuramente conoscete, ma che mi permetto nuovamente di riassumere:

Il punteggio del servizio può essere inserito fino a 30 punti, quindi chi è precario da 15 o 20 anni perde la metà del proprio servizio maturato. Molti candidati saranno costretti a spostarsi in altre regioni per lo svolgimento delle prove, con tutti i disagi economici che ne conseguono.

Il transitorio non è assolutamente garanzia del ruolo, con il meccanismo delle percentuali decrescenti introdotto dal comma 3 art.2 del bando di “Concorso per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 16/02/2018, molti di noi rischiano ancora di attendere anni prima di giungere al ruolo.

Noi non chiediamo una SANATORIA, noi chiediamo solo che vengano riconosciuti i nostri DIRITTI! C’è anche una sentenza europea, l’ormai arcinota sentenza Mascolo, che ha chiaramente sancito l’illegalità dell’abuso dei contratti a tempo determinato nella Pubblica Amministrazione.

Abbiamo fatto la gavetta, seguito per intero l’iter per svolgere la professione che amiamo profondamente, per la quale abbiamo anni di esperienza e per la quale lo Stato italiano ci ha abilitati, a seguito di un percorso di formazione sacrificante e dispendioso.

Ci chiediamo perché non venga presa in considerazione la proposta, presentata da diversi sindacati, di trasformare le graduatorie di seconda fascia d’Istituto, quelle degli abilitati, in graduatorie provinciali dalle quali attingere per il reclutamento, visto che le Gae non possono essere riaperte: in questo modo non ci sarebbero ingiustizie legate al punteggio.

In diverse province, le Gae per alcune Classi di Concorso sono esaurite e purtroppo, in attesa di una giusta soluzione, i posti disponibili sono stati talvolta assegnati a docenti inseriti in Gae con riserva, che occupavano in alcuni casi gli ultimi posti nella graduatoria di seconda fascia. Ennesima beffa!!

Noi precari storici di seconda fascia in alcune province avremmo potuti essere stabilizzati tutti, i posti c’erano! Invece rimaniamo ad attendere un transitorio su base regionale, senza sapere se poi quei posti negli anni successivi saranno ancora disponibili.

A fronte di tutto questo, Vi chiedo quali siano i provvedimenti che intendete portare avanti e che ci rendano giustizia, a parte la solidarietà espressa a parole: sono anni che attendiamo!

Cordiali saluti.

Versione stampabile
anief
soloformazione