Docente tutor e orientatore, le due figure entrano nel Contratto. Ministro Valditara soddisfatto: solo 8 scuole non hanno aderito

WhatsApp
Telegram

Il docente tutor e il docente orientatore debutteranno nelle classi del triennio della scuola secondaria di secondo grado dall’anno scolastico 2023/24. In queste settimane i docenti che hanno aderito entro lo scorso 31 maggio stanno frequentando il corso di formazione e a settembre potranno ricevere la nomina dal Dirigente Scolastico, sulla base dei criteri stabiliti in Collegio.

Docente  tutor e orientare entrano nel Contratto 2019/21

Seppure in maniera temporalmente non coerente, le due nuove figure di docente tutor e orientatore sono state inserite nell’Ipotesi di Contratto 2019/21 stipulata lo scorso 14 luglio.

Il Ministero lo ha anche inserito nel comunicato

Sono state inoltre recepite a livello contrattuale le funzioni del docente tutor e del docente orientatore e questo consentirà di affermare definitivamente il principio della personalizzazione dell’istruzione, rimarcando la centralità nel sistema della persona dello studente”.

Art. 46

In sede di contrattazione collettiva integrativa nazionale di cui all’art. 30, comma 2, lett. a) (Livelli, soggetti e materie delle relazioni sindacali) saranno definite modalità e criteri di utilizzazione di tutti gli eventuali finanziamenti aggiuntivi destinati al personale impegnato nelle attività di tutor, orientamento, coordinamento e nel sostegno della ricerca educativo-didattica e valutativa funzionali allo sviluppo dei processi d’innovazione e finalizzati alla valorizzazione del lavoro d’aula e al miglioramento dei livelli di apprendimento

Soddisfazione del Ministro Valditara

Seppure ancora avviato solo nel triennio delle scuole secondarie di secondo grado, il nuovo modello basato sulla personalizzazione dell’istruzione grazie al docente tutor e orientatore ha visto la partecipazione del 99,8% delle scuole coinvolte.

Sono 8 gli istituti che non hanno partecipato, non presentando nessuna candidatura.

“Ora queste due nuove funzioni entrano stabilmente nel sistema scolastico italiano” afferma Valditara e in futuro “gradualmente lo potremo estendere anche alle scuole medie”.

Secondo i dati raccolti dal Ministero, il 90% delle candidature è stata presentata dai docenti di ruolo, di cui  78,4% assunti su posto comune e il 9,9% su sostegno.

Buona anche la partecipazione dei docenti a tempo determinato, considerato che fino all’ultimo ci sono state numerose ritrosie anche da parte dei Dirigenti scolastici nell’inserire i loro nominativi in piattaforma, non potendo garantire la continuità.

Cosa insegnano i docenti che hanno proposto la loro candidatura? Discipline letterarie in primis, ma anche lingue  e matematica.

Soddisfatto del risultato il Ministro Valditara “Si tratta di un risultato importante, dovuto alla risposta eccezionale giunta dalla comunità scolastica tutta e dai docenti in particolare, che, nonostante gli impegni già gravosi di chiusura dell’anno scolastico, hanno dimostrato di voler ricoprire un ruolo da protagonisti del cambiamento della scuola“.17

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri