Docente sospesa da Dirigente, i PSP esprimono solidarietà

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pochi giorni fa è stata resa nota la notizia della docente sospesa dalla Dirigente in una scuola elementare di Pavia. La posizione dei Partigiani della Scuola Pubblica.

I Partigiani della Scuola Pubblica esprimono solidarietà alla docente sospesa in una scuola della provincia di Pavia perché aveva segnalato alla Dirigente il caso di una bambina che presentava evidenti segni di percosse e maltrattamenti; dopo qualche tempo, preoccupata nel constatare che
non “si stava muovendo nulla”, presentò un esposto anche alle Forze dell’ordine.

La questione della docente sospesa impone alcune riflessioni sul caso.

1. L’obbligatorietà dei docenti a denunciare.

2. Il presunto abuso di potere dei DS.

3. La solidarietà da parte del mondo della scuola.

Per quanto riguarda il primo punto, la legge per i PSP è chiara: i docenti, nel merito della loro funzione, sono pubblici ufficiali a tutti gli effetti (Artt 357 e 358 del Codice Penale). Pertanto hanno il dovere di denunciare al DS.

I Partigiani ricordano il recente caso del bambino ucciso dal patrigno a Cardito, per il quale sono state sospese (ora a processo) due maestre e la dirigente perché sapevano (in particolare avevano visto i lividi del bambino) e non avevano denunciato.

Riguardo al punto 2, appare quindi assolutamente fuori luogo, secondo i PSP, il provvedimento del DS che avvalora quanto già detto da sempre, e cioè che i DS potrebbero utilizzare impropriamente gli strumenti
legislativi.

I PSP ricordano inoltre che la Legge Brunetta, se utilizzata in maniera impropria, diventa un mostro legislativo, in quanto un DS assume tre posizioni: accusa, quindi è pubblico ministero, si difende ed è giudice fra le parti.

In merito al terzo punto, la Comunità scolastica dovrebbe prendere posizione riguardo casi del genere in quanto se non parte dagli stessi docenti un recupero della propria immagine e quindi della
propria dignità, non si svolterà in campo scolastico. Sono ormai quotidiane le denigrazioni del ruolo della professione docente. Non si è compreso ancora che aver tagliato e svalutato così pesantemente la scuola, produce una svalutazione dei valori e dell’etica del vivere civile.

Se diamo un esempio negativo, scrivono i PSP, la società non ha più credibilità da questo punto di vista; sarebbe opportuno pertanto che, oltre che per tutti i problemi che affliggono il mondo scolastico, si lavori alacremente per dare dignità a professionisti che costituiscono pilastri delle società civili e
democratiche.

Ricordiamo che la maestra si è rivolta al Tribunale di Pavia: questo ha invitato la nuova dirigente scolastica a revocare la sospensione e a pagare la docente per la retribuzione mancata. L’udienza è stata aggiornata a dicembre.

Versione stampabile
soloformazione