Docente neo-immesso che non ottiene sede definitiva: risulta soprannumerario e dovrà chiedere utilizzazione

di redazione
ipsef

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Il docente titolare sul sostegno con il passaggio di ruolo sul sostegno è sottoposto a nuovo vincolo quinquennale

Patrizia –  Ho bisogno di un informazione a proposito dei passaggi di ruolo. Io, dopo 10 anni di ruolo su sostegno alla secondaria di primo grado, ho chiesto e ottenuto il passaggio di ruolo alla secondaria di secondo grado, sempre per sostegno. Fermo restando che dovrò rifare l’anno di prova, ma avrò anche, nuovamente, il vincolo quinquennale su sostegno? Nel caso, dove posso trovare informazioni, ovvero, qual è la normativa di riferimento? Grazie molte.

Passaggio di cattedra: il docente che lo ottiene non deve svolgere l’anno di prova

S.M. – Ieri ho saputo di aver avuto il trasferimento dalla DOS su cui ero titolare con classe di concorso  A546 tedesco, alla classe di concorso A346 inglese per la quale ho una seconda abilitazione. Mi chiedevo se essendo passata da una materia ad un’altra debba ripetere l’anno di prova.  Grazie mille in anticipo per la risposta. Cordiali saluti

Docente neo-immesso che non ottiene sede definitiva: risulta soprannumerario e dovrà chiedere utilizzazione

Corrado – Sono un docente neoassunto  in fase Zero il 01/09/2015 e quindi nella mobilità dovrei muovermi su sede scolastica. In data odierna sono stati pubblicati i movimenti della prima fase (che in pratica mi dovrebbero riguardare), a sorpresa il mio nome non compare e vedo che una cattedra che avevo individuato come probabile mia destinazione viene assegnata ad un docente soprannumerario di un’altra sede scolastica con la dicitura “docente soprannumerario con domanda condizionata”. Ed in tutto questo il mio nominativo ai fini dell’ottenimento della sede definitiva non compare. Contattando l’ufficio scolastico  provinciale mi viene detto che sono soprannumerario. Ma è possibile essere soprannumerario senza avere avuto mai la sede definitiva? Un docente soprannumerario ha precedenza, rispetto a me che non ho ancora una sede di servizio, anche se non rientra in sede di precedente titolarità? Grazie.

 

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare