Docente indagata per insulti ai poliziotti, avviato procedimento disciplinare con sanzione il licenziamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La procura di Torino ha aperto un fascicolo nei confronti dell’insegnante che giovedì scorso, durante il corteo antifascista promosso contro un’iniziativa elettorale di Casapound, aveva urlato insulti contro le forze dell’ordine.

I reati che potrebbero essere contestati sono istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale e minacce.

L’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte ha notificato alla docente il procedimento disciplinare: la sanzione prospettata è quella del licenziamento. Lo rende noto il Miur del Piemonte.

Il procedimento, anche a seguito di ulteriori approfondimenti effettuati dall’ufficio scolastico nelle scorse ore, è stato attivato, si legge in una nota, “in considerazione della gravità della condotta tenuta dalla docente che, seppure non avvenuta all’interno dell’istituzione scolastica, contrasta in maniera evidente con i doveri inerenti la funzione educativa e arreca grave pregiudizio alla scuola, agli alunni, alle famiglie e all’immagine stessa della pubblica amministrazione”.

“A salvaguardia della serenità della comunità educativa, intanto il direttore generale ha sospeso l’insegnante dal servizio fino alla conclusione del procedimento sanzionatorio”, prosegue la nota del Miur piemontese in cui si esprime ” piena solidarietà alle forze dell’ordine per l’insostituibile e gravoso impegno nella tutela della sicurezza dei cittadini e nella salvaguardia dei valori democratici della Repubblica”.

Docente augura morte a forze ordine, Ministero avvia procedimento disciplinare. Salvini, andava licenziata

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare