Docente imputato per mancata vigilanza dopo morte studente caduto dalle scale. GIP rifiuta archiviazione

WhatsApp
Telegram

Il gip di Roma ha respinto la richiesta di archiviazione della Procura e ordinato l’imputazione coatta per un docente dove nell’ottobre del 2017 uno studente morì dopo essere precipitato nella tromba delle scale. Per il pm si è trattato di un gesto volontario, valutazione non condivisa dai genitori del ragazzino.

Nel provvedimento col quale il giudice per le indagini preliminari chiede alla Procura di formulare un nuovo atto d’accusa nei confronti del docente, per l’accusa di omicidio colposo, si legge che l’insegnante sarebbe rimasto a chiacchierare con un collega, incorrendo così nella “violazione di un dovere specifico di vigilanza”: un comportamento che “ha determinato o comunque ha fatto parte dello sviluppo causale che ha consentito” al ragazzino “di trovarsi senza sorveglianza alcuna nei pressi di un luogo pericoloso come la ringhiera al piano superiore e per goliardia o per spinta o per decisione propria, cadere nel vuoto e perdere la vita”.

“Finalmente abbiamo sentito affermare che nessuno vigilava su nostro figlio in un luogo pericoloso come quella scala durante l’orario scolastico e che non è salito da solo, né si può affermare se vi sia stata una rissa, una goliardata o un gesto volontario, ma che è certo che quanto accaduto si sarebbe potuto evitare’’ commentano i genitori. ‘’Dopo 5 anni di negligenze incomprensibili, un passo verso la verità; ma lo sdegno resta per il tempo perso. Peraltro i responsabili della scuola non ci hanno mostrato alcuna vicinanza” aggiungono.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri