Docente di sostegno salva la vita a quattro persone in mare: “Senza di lui sarebbero morte”

WhatsApp
Telegram

Un salvataggio spettacolare ha illuminato la spiaggia libera di Ostia, abbandonata dai servizi ufficiali di salvataggio. Un ragazzo di 16 anni, noto solo come B., ha rischiato di morire annegato nell’area riservata ai cani vicino al Porto Turistico.

Mentre nuotava intorno a mezzogiorno, è stato risucchiato da una corrente improvvisa, causando una situazione di pericolo immediato.

Fortunatamente, tre bagnanti presenti per caso sulla spiaggia, Arianna, Andrea e Fabio, sono intervenuti. Dopo che Arianna e Andrea hanno trascinato B. a riva, Fabio, un maestro di sostegno nelle scuole elementari di Ostia, ha applicato un massaggio cardiaco che ha salvato la vita del ragazzo.

Fabio, conosciuto come “il professore”, è diventato un eroe senza identità sulle spiagge di Ostia, dove la sicurezza è ormai autogestita a causa dell’incapacità di Municipio e Comune di garantire servizi essenziali. È la terza volta in una settimana che interviene per salvare vite, eppure, non cerca la luce dei riflettori.

Quest’ultimo incidente evidenzia le gravi carenze dei servizi di sicurezza sulle spiagge pubbliche di Ostia.

B., un frequentatore occasionale della spiaggia con i suoi amici dell’Aurelia, non si trovava in acque profonde ma è incappato in una corrente tra gli scogli che lo ha trascinato.

La presenza di Fabio sul luogo dell’incidente è stata decisiva. “È stata una gran fortuna che c’era il professore, è almeno la seconda volta che salva vite umane”, ricorda un testimone oculare. Tuttavia, l’eroismo di Fabio solleva una questione fondamentale: in che modo la sicurezza dei bagnanti viene garantita nelle spiagge pubbliche di Ostia?

Non si può sempre contare su un eroe anonimo. È indispensabile che Municipio e Comune si facciano carico della sicurezza dei bagnanti, assicurando un servizio di salvataggio efficiente e affidabile.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri