Docente con sclerosi multipla licenziata. Fratelli d’Italia attacca: “Deve essere reintegrata”

WhatsApp
Telegram

Ella Bucalo e Paola Frassinetti, deputati di Fratelli d’Italia e rispettivamente responsabile Scuola e dipartimento Istruzione, commentano la vicenda di una docente affetta da sclerosi multipla giudicata inidonea e licenziata dopo 24 anni di insegnamento.

Un giudizio secco, quello della commissione medica di Catanzaro, che ha deciso l’inidoneità al lavoro di Maria Carmela Gioffrè, insegnante 55enne di Bagnara Calabra malata di sclerosi multipla, licenziata lo scorso marzo, dopo 24 anni di insegnamento, con la seguente motivazione ‘non idonea in modo permanente ed assoluto a causa delle sue condizioni fisiche‘”, scrivono le deputate.

Ma la docente non ci sta – proseguono le parlamentari di Fratelli d’Italia – assicura che nulla è cambiato nelle sue condizioni fisiche rispetto a 18 anni fa, quando le fu diagnosticata la malattia e che questa non le ha impedito l’insegnamento. E con lei non ci stiamo noi di Fratelli d’Italia e non deve starci chiunque abbia a cuore il valore fondamentale della inclusione di chi vive una stato di disabilità, argomento, questo, nella bocca di tanti ma assente in parecchie azioni del vivere comune. Anzi, nel caso specifico, la presenza in aula di una docente affetta da una malattia ha un valore aggiunto, perché mostra ai ragazzi come si possa convivere con una disabilita’ che non impedisce lo svolgimento regolare di una attività. In pratica un punto di forza per avvicinare i giovani al concetto che anche se sofferente sei uguale e non diverso per opportunità“.

La professoressa va reintegrata, e questa reintegrazione deve essere una battaglia a favore suo e dei tanti che, ove passasse questo concetto di incompatibilità, potrebbero subire lo stesso trattamento in ogni ambito occupazionale“, concludono Bucalo e Frassinetti.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur