Docente con 3 anni di servizio e 24 CFU, cosa fare per avere l’abilitazione? [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

L’abilitazione all’insegnamento è uno dei temi spinosi che riguardano la scuola. A conti fatti è dal 2013 che non viene attivato un vero e proprio percorso per abilitarsi. E i precari con almeno 3 anni di servizio (spesso anche molti più) non sanno che fare.

Il tema è stato fra quelli affrontati nel corso del Question time di Orizzonte Scuola del 18 maggio. A rispondere Chiara Cozzetto, segretaria nazionale Anief.

In questo momento deve attendere il decreto che andrà a definire come conseguire l’abilitazione attraverso i 60 o 30 CFU. Sarà quello che permetterà di abilitarsi e poi di partecipare ai futuri concorsi“, dice la sindacalista.

La risposta completa di Chiara Cozzetto al minuto 19:41 del Question time

TUTTE LE RISPOSTE

Abilitazione percorso da 60 CFU

È il cardine intorno al quale ruota la riforma del reclutamento targata Bianchi in quanto interessa una platea vastissima di laureandi, laureati e docenti. Atteso da circa un anno il Decreto, a cui fa riferimento anche Chiara Cozzetto nel suo intervento, deve definire i criteri di accesso, i contenuti dell’attività formativa, la percentuale di presenze, le modalità di svolgimento della prova finale.

Sappiamo che il testo è stato completato, mancherebbe solo il via libera da Bruxelles.

Il provvedimento della presidenza del Consiglio dei Ministri deve definire:

  • i contenuti e la strutturazione dell’offerta formativa corrispondente a 60 CFU/CFA, di cui almeno 10 di area pedagogica, comprendente attività di tirocinio diretto e indiretto non inferiore a 20 CFU/CFA. Per ogni CFU/CFA di tirocinio, l’impegno in presenza nelle classi non può essere inferiore a 12 ore.
  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità
  • la percentuale di presenza alle attività formative necessarie per l’accesso alla prova finale
  • le modalità di svolgimento della prova finale del percorso universitario e accademico, comprendente la prova scritta e orale.

Nell’ambito dei 60 CFU sarà comunque riconosciuta la validità dei 24 CFU/CFA già conseguiti quale requisito di accesso al concorso secondo il previgente ordinamento.

Il decreto stabilirà poi i criteri per il riconoscimento degli eventuali altri crediti maturati nel corso degli studi universitari o accademici, purché strettamente coerenti con gli obiettivi formativi.

Il costo di partecipazione al corso è interamente attribuito ai corsisti ma vi sarà un prezzo “calmierato” ossia la proposta di un tetto massimo che le Università potranno proporre.

Il concorso straordinario

Vi è poi la procedura attesa per l’estate, alla quale potranno partecipare docenti “con 36 mesi di servizio oppure 24 CFU” . Al momento il Ministero non ha fornito nessun particolare, ma possiamo supporre che il percorso di abilitazione successivo al concorso potrà portare al conseguimento dei 30 CFU.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri