Docente colpita da pistola ad aria compressa, genitore ricorre e ottiene stop a sospensione. Studenti indagati per interruzione pubblico servizio

WhatsApp
Telegram

Ricordiamo la vicenda: una docente viene colpita da dei pallini di gomma sparati da una pistola ad aria compressa. Autore uno studente, video finito sui social. La docente decide di denunciare i 24 studenti della classe, perché li ritiene complici. A ciò si aggiunge anche una sospensione comminata dal consiglio di classe.

Un genitore fa ricorso e ottiene annullamento

Al momento gli studenti, secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, frequentano normalmente, perché un genitore ha fatto ricorso e ha ottenuto l’annullamento della sospensione che era stata decisa per il ragazzo che aveva sparato, per quello che aveva fatto il video e per chi aveva buttato già dalla finestra la pistola per liberarsi del “corpo del reato”.

Continua il percorso della denuncia

Ricordiamo che la professoressa ha comunque querelato tutti i 24 studenti della classe perché, riporta il Corriere riportando i commenti dei colleghi. “erano tutti complici e non hanno dimostrato alcun ravvedimento”. L’inchiesta aperta punta a dimostrare, sempre secondo quanto riporta il quotidiano, l’interruzione di pubblico servizio aggravata, nei confronti dei tre studenti. Vedremo se la procura dei minori riterrà di dover procedere con una richiesta di rinvio a giudizio.

Spari alla docente a scuola, lei denuncia tutta la classe: “Lo faccio perché non succeda più a nessuno, ne va della nostra dignità”

WhatsApp
Telegram

Diventa docente di sostegno, bando a breve: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, scade oggi