Docente assunto nell’a.s. 2007/08 e mobilità interprovinciale: è volontaria e non potrà mai essere d’ufficio

Stampa

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Revocare la domanda di trasferimento è possibile presentando istanza nei termini previsti dall’OM 241/2016

Manuela  – Sono stata assunta in fase 0 quest’anno, ho già partecipato alla fase A della mobilità ad aprile per ottenere sede definitiva ed ora ho inoltrato domanda per trasferimento interprovinciale (fase D), ma sono molto indecisa. Ho letto nell’Ordinanza Ministeriale 241_16 che una volta scaduto il temine per l’inoltro delle domande, ovvero dopo il 2 giugno, è possibile richiedere la revoca delle domande di movimento presentate (o.m. 241_16, art. 5 comma 2), entro certi limiti di tempo; anche un articolo di OS mi conferma ciò (http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-scuola-docenti-domanda-trasferimento-pu-essere-revocata-dopo-termini-presentazione

Docente assunto nell’a.s. 2007/08 e mobilità interprovinciale: è volontaria e non potrà mai essere d’ufficio

Santina – Sono una docente di scuola primaria assunta nell’anno 2007/2008 ed alle prese con la domanda di trasferimento interprovinciale in fase B1. Intendo indicare un solo ambito territoriale, senza neppure indicare la provincia. Da alcuni opinioni mi sorge il dubbio qualora non ottenga il trasferimento nelle scuole dell’ambito prescelto, se rimango coinvolta mio malgrado in eventuali trasferimenti d’ufficio in altri ambiti viciniori e/o ricadenti in quella provincia/regione. Ovvero come era mia opinione rimango titolare nella scuola attuale. In attesa di un cortese riscontro al più presto, porgo cordiali saluti.

Docente neo-immesso su materia può chiedere, se in possesso della specializzazione, sede definitiva anche sul sostegno

R.G. – Sono un docente neoassunto a.s. 2015/16 nella classe A019, in possesso di specializzazione sul sostegno. Sto completando la domanda di mobilità (fase C) ma ho un dubbio; essendo una domanda di trasferimento e non di cattedra, che significa: Tipo posto da considerare per il trasferimento (Posto speciale o di sostegno). Se scelgo 1°posto sosegno-2°posto comune cosa significa?  Forse significa che il sistema mi collocherà nell’ambito più vicino (secondo le mie scelte) prima sul sostegno e/o sul diritto? Cosa prevale, la scelta dell’ambito o del sostegno?

Chiedilo a Lalla

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata