Docente aggredito con un pugno: non condanno, insegnamento è missione

Stampa

Un insegnante di sostegno è stato colpito al volto da un pugno di uno studente 15enne di una prima classe di un istituto professionale in provincia di Torino. L’episodio si è verificato lunedì pomeriggio come riferito dal quotidiano La Stampa.

Il professore è stato medicato al pronto soccorso.

L’aggressione è avvenuta davanti ai genitori del ragazzo, convocati dall’insegnante per chiarimenti sul comportamento violento del 15enne nei confronti di un compagno di scuola. All’improvviso lo studente ha reagito, aggredendo l’insegnante. Ora rischia una lunga sospensione e una denuncia per lesioni.

L’insegnante, che è stato medicato in ospedale, ha scritto in una lettera aperta che è convinto che non si debba “mai condannare”, ma sia un dovere aiutare i ragazzi: “A volte l’aggressività può essere un grido d’aiuto, quindi sosteniamoli”.

Invita i colleghi a non mollare: “Questo evento non mi ha scoraggiato, anzi sta crescendo in me la forza e la convinzione di impegnarmi con maggiore passione nel mio lavoro, che considero una vocazione. Invito tutti i professori a non rassegnarsi alle situazioni complicate e scoraggianti, anche davanti ad episodi di violenza: dobbiamo rispondere alle necessità educative dei nostri ragazzi”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur