DL salva-dirigenti, approvato. Via a nuovo concorsone entro l’anno. Approvato odg su internalizzazione pulizie scuole

di
ipsef

red – Approvato con on 281 sì, 71 no e 29 astenuti il Decreto battezzato salva-dirigenti, dal momento che  fa salvo l’esercizio della funzione dirigenziale a seguito di annullamento giurisdizionale della procedure dell’ultimo concorso bandito.

red – Approvato con on 281 sì, 71 no e 29 astenuti il Decreto battezzato salva-dirigenti, dal momento che  fa salvo l’esercizio della funzione dirigenziale a seguito di annullamento giurisdizionale della procedure dell’ultimo concorso bandito.

In pratica, il personale in servizio con contratto a tempo indeterminato con funzioni di Dirigente scolastico, a seguito della procedura concorsuale annullata, continua, comunque, a svolgere le proprie funzioni, in via transitoria e fino all’avvenuta rinnovazione della procedura concorsuale, nelle sedi di rispettiva assegnazione alla data in entrata in vigore del decreto.

Inoltre, specifica il testo, sono fatti salvi "gli atti adottati dal predetto personale nell’espletamento degli incarichi"

Nel secondo articolo, invece, si danno indicazioni per il regolare svolgimento dei servizi di pulizia e ausiliari nelle scuole.

Durante l’iter parlamentare, inoltre, è stato approvato un emendamento che determine entro l’anno di bandire un nuovo concorso per i Dirigenti scolastici. (Vuoi conoscere in anteprima le modalità del nuovo concorso)

”Quello licenziato oggi – scrivono i 5 stelle in un comunicato inviato alla redazione – è un provvedimento con lacune, profili di incostituzionalità, e che non risolve i problemi ma, quantomeno, con la decisione di calendarizzare in sede referente la nostra pdl sui servizi di pulizia nelle scuole, il governo ha preso atto del fatto che l’esternalizzazione non e’ piu’ una via percorribile”.

La mancanza di ostruzionismo da parte del Movimento è legata all’accoglimento di un ordine del giorno a prima firma Luigi Gallo,  che impegna il Governo a intervenire "con qualunque mezzo normativo di propria competenza affinché per i prossimi 5 anni  sia precluso affidamento dei servizi di pulizia o altri servizi ausiliari alle imprese che contino tra i presidenti o membri del consiglio di amministrazione persone condannate, anche con sentenza non definitiva, per reati conto la Pa".

Inoltre, continua il comunicato "Lo stesso sottosegretario all’Istruzione Roberto Reggi ha riconosciuto che il Governo è propenso a trovare una soluzione rispetto a un modello che non è più in grado nè di garantire nè la pulizia nelle scuole nè la tutela dei lavoratori impegnati nel comparto".

Versione stampabile
anief banner
soloformazione