DL Rilancio, Aprea (FI): senza scuole paritarie non si rilancia Italia

Stampa

“Stupisce e inquieta la decisione di non prevedere nel ‘Decreto Rilancio’ risorse per gli alunni, le famiglie e i docenti delle scuole paritarie.

Lo stato di emergenza determinato dalla pandemia che ha colpito il Paese ha riguardato pesantemente anche le scuole paritarie, imprese educative che garantiscono il pluralismo all’interno del sistema pubblico di istruzione.

Non ci può essere rilancio ignorando 866mila alunni, le loro famiglie, i circa 100mila lavoratori delle oltre 13mila scuola paritarie italiane.

Forza Italia continuerà ad incalzare il Governo perché siano destinate alle scuole paritarie parte dei fondi destinate alle scuole statali con un investimento di 1milardo di euro.

Le misure di sicurezza e protezione devono essere garantite in tutte le scuole del sistema pubblico e se lo Stato prevede contributi straordinari per le scuole statali gli stessi contributi devono essere previsti anche per le scuole paritarie.

Certo non si potrà chiedere alle famiglie di sostenere costi aggiuntivi per l’esercizio della libertà di scelta educativa in un momento di crisi economica.  E’ l’ora di non fare più differenze tra figli e figliastri con riferimento all’istruzione pubblica”.

Lo afferma in una nota Valentina Aprea, deputata di Forza Italia e responsabile del Dipartimento Istruzione del movimento azzurro.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia