DL istruzione, le scuole per tutela della salute: non solo sigarette elettroniche, ma anche educazione alimentare, mense con filiera corta e dieta mediterranea

WhatsApp
Telegram

red – Tra le novità contenute all’art. 4 nel testo del Decreto istruzione licenziato dalla Camera, le indicazioni per le scuole relativamente alla tutela della salute. Il testo originale prevedeva solo la lotta contro le sigarette elettroniche, nella versione della Camera anche acquisto solidale, consumo di prodotti biologici e la disincentivazione di "alimenti e bevande sconsigliate". Alle scuole i proventi delle multe a chi fuma a scuola.

red – Tra le novità contenute all’art. 4 nel testo del Decreto istruzione licenziato dalla Camera, le indicazioni per le scuole relativamente alla tutela della salute. Il testo originale prevedeva solo la lotta contro le sigarette elettroniche, nella versione della Camera anche acquisto solidale, consumo di prodotti biologici e la disincentivazione di "alimenti e bevande sconsigliate". Alle scuole i proventi delle multe a chi fuma a scuola.

Educazione alimentare

Sarà il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, al fine di favorire il consumo consapevole dei prodotti ortofrutticoli locali, stagionali e biologici nelle scuole, che elaborerà appositi programmi di educazione alimentare da utilizzare nelle scuole, anche in collaborazione con associazioni e organizzazioni di acquisto solidale.

Mentre il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca adotterà specifiche linee guida, sentito il Ministero della salute, per disincentivare, nelle scuole di ogni ordine e grado, la somministrazione di alimenti e bevande sconsigliati, ossia contenenti un elevato apporto totale di lipidi per porzione, grassi trans, oli vegetali, zuccheri semplici aggiunti, alto contenuto di sodio, nitriti o nitrati utilizzati come additivi, aggiunta di zuccheri semplici e dolcificanti, elevato contenuto di teina, caffeina, taurina e similari, e per incentivare la somministrazione di alimenti per tutti coloro che sono affetti da celiachia.

Mense

Novità per i bandi di gara d’appalto per l’affidamento e la gestione dei servizi di refezione scolastica e di fornitura di alimenti e prodotti agroalimentari. Infatti,  i soggetti appaltanti devono prevedere che sia garantita un’adeguata quota di prodotti agricoli e agroalimentari provenienti da sistemi di filiera corta e biologica, nonché l’attribuzione di un punteggio per le offerte di servizi e forniture rispondenti al modello nutrizionale denominato "dieta mediterranea"

Fumo

Per quanto riguarda la lotta al fumo, le istituzioni scolastiche dovranno attivare incontri degli studenti con esperti delle aziende sanitarie locali del territorio sull’educazione alla salute e sui rischi derivanti dal fumo.

Un’altra novità riguarda le risorse provenienti dalle multe inferte a chi fuma all’interno dei locali scolastici. i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie previste sono destinati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, d’intesa, ove necessario, con gli altri Ministeri interessati, alle singole istituzioni che hanno contestato le violazioni, per essere successivamente utilizzati per la realizzazione di attività formative finalizzate all’educazione alla salute.

Il testo del Decreto come licenziato dalla Camera

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur