Divieto uso cellulare, migliora le interazioni sociali e la disponibilità all’apprendimento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In Francia, come riferito, dal prossimo anno scolastico, sarà vietato l’uso dei cellulari a scuola.

Lo stesso divieto vige, per regolamento interno, già da quattro anni presso la scuola media “La Gautrais” che si trova nel villaggio di Plouasne”, come riferisce “greenme.it“.

Quali risultati

I risultati raggiunti sono stati migliori di quanto si potesse sperare.

Sono, infatti, aumentate le interazioni sociali, l’empatia e la propensione all’apprendimento.

Durante la ricreazione e le gite, inoltre, i ragazzi parlano e giocano di più rispetto a quanto avveniva in passato.

Gli studenti, infine, non sembrano soffrire il divieto, anzi:

“Ho un cellulare, ma lo lascio a casa e non ci penso molto. Anche quando ritorno da scuola, non ho fretta di controllarlo. Prima faccio uno spuntino, poi parlo con mia madre, faccio i compiti e alla fine controllo il cellulare, ma solo se sto aspettando un messaggio importante”, dice una ragazza di 14 anni.”

Due amici della studentessa il cellulare nemmeno ce l’hanno: “Non ne abbiamo bisogno, possiamo parlarci di persona, per questo forse siamo ottimi amici”

In Italia

La direttiva Fioroni aveva vietato l’uso del cellulare a scuola, tuttavia la ministra Fedeli ha fornito delle indicazioni, tramite un decalogo, per un uso didattico dello stesso. Approfondisci

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione