Divieto di fumo a scuola. Docenti preposti a vigilanza non potranno rifiutare l’incarico del Dirigente e potranno essere sanzionati

WhatsApp
Telegram

red – Sanzionatori che potranno essere sanzionati e che non possono rifiutare l’incarico. Una bella gatta da pelare, fare il sanzionatore, il vigile urbano della sigarette, lo "sbirro", diranno in alcune parti d’Italia.

red – Sanzionatori che potranno essere sanzionati e che non possono rifiutare l’incarico. Una bella gatta da pelare, fare il sanzionatore, il vigile urbano della sigarette, lo "sbirro", diranno in alcune parti d’Italia.

Difficile voler ricoprire un incarico del genere, il sorvegliante che deve infliggere multe a chi fuma in cortile, quindi il legislatore pensa bene di rendere obbligatorio, per legge, tale incarico su designazione del Dirigente scolastico.

Le multe che questo poveruomo dovrà infliggere a chi fuma vanno dai 25 ai 250 euro (roba non da poco) che potranno raddoppiare nel caso di fumo davanti a minori di 11 anni o donne in stato di gravidanza.

Ma il colpo di genio del legislatore sta nella possibilità di multare anche l’addetto alle multe. Rischia, infatti, un’ammenda che va dai 200 ai 2mila euro chi, incaricato di assicurare il rispetto del divieto, non ottemperi a tale compito.

Il tutto nei commi 1bis e 3 dell’articolo 4 del testo del Decreto istruzione.

Insomma, cornuto e mazziato.

Il Decreto istruzione è legge. Tutti i principali provvedimenti: al via piano triennale di immissione in ruolo

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur