Divieto del cellulare in classe, la Lega approva la via inglese: “Va fatta una seria riflessione anche in Italia”

Stampa

L’annuncio da parte del governo britannico del “pugno di ferro” sull’utilizzo del cellulare in classe trova già le prime approvazioni in Italia.  La Lega, tramite il deputato Massimiliano Capitanio, già promotore della legge che ha reintrodotto l’educazione civica nelle scuole italiane, si dice favorevole al divieto.

“Ritengo sia da seguire con estrema attenzione il dibattito in corso in Gran Bretagna sul divieto dei cellulari in classe. Pur nel rispetto dell’autonomia scolastica, una seria riflessione va fatta, coinvolgendo alunni e studenti nei tanti progetti resi disponibili dalla legge sull’educazione civica. Mentre il governo di Boris Johnson si appresta a imporre un divieto totale dell’uso dei telefonini da parte di bambini e ragazzi nelle scuole britanniche, in Italia si apra almeno un serio dibattito. In questa scelta io, personalmente, vedo più pro che contro”.

“L’ossessione per i cellulari è dannosa per il rendimento scolastico”. In Gran Bretagna pugno di ferro, in Italia proposta di legge per dire stop fino ai 12 anni

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur