Diventare insegnante scuola di infanzia e primaria: laurea in SFP + corso di specializzazione

WhatsApp
Telegram

Il percorso, previsto dal Decreto Legislativo 66/2017, recante Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, è rivolto a coloro che, in possesso della Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria (LM85bis) vogliano conseguire il titolo per l’insegnamento sui posti di sostegno della scuola dell’infanzia e della scuola primaria.

Il CUN (Consiglio Universitario Nazionale), chiamato ad esprimere un parere sul piano di studio, sulle modalità attuative e organizzative del corso di specializzazione in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno didattico e inclusione scolastica, nonché dei crediti formativi necessari per l’accesso al medesimo  corso di specializzazione, ritiene necessario segnalare che l’intero percorso formativo dell’insegnante su posto di sostegno nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria deve porsi in linea di continuità con il percorso formativo già svolto nel corso della Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria.

Infatti, il titolo per l’insegnamento sui posti di sostegno della scuola dell’infanzia e della scuola primaria è riservato a coloro i quali siano in possesso della Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria e che, ai sensi dell’art. 12, comma 3, del D.Lgs. 66/2017, abbiano conseguito ulteriori 60 crediti formativi universitari (CFU) relativi alle didattiche dell’inclusione oltre a quelli già previsti nel corso di laurea. Ai fini del conseguimento dei predetti 60 CFU, possono essere riconosciuti i crediti formativi universitari eventualmente conseguiti dai laureati magistrali in relazione ad insegnamenti nonché a CFU ottenuti in sede di svolgimento del tirocinio e di discussione di tesi attinenti al sostegno e all’inclusione.

I 60 CFU richiesti per l’accesso al Corso di specializzazione potranno essere acquisiti con insegnamenti da svolgere durante il corso di studi quinquennale in Scienze della Formazione Primaria e/o dopo il conseguimento della laurea magistrale, nei seguenti Settori Scientifico-Disciplinari: M-PED/01 (almeno 6 CFU); M-PED/02 (almeno 6 CFU); M-PED/03 (almeno 6 CFU); M-PED/04 (almeno 6 CFU); MPSI/04 (almeno 6 CFU); M-PSI/08 (almeno 6 CFU); MED/39 oppure IUS/09 (almeno 6 CFU). Potranno essere riconosciuti fino a un massimo di 15 CFU ottenuti in sede di svolgimento del tirocinio e di discussione di tesi attinenti al sostegno e all’inclusione.

Obiettivo:

l’insegnante inclusivo deve contribuire a produrre un innalzamento del rendimento scolastico degli alunni e della loro capacità di vivere in maniera serena e socialmente proficua l’esperienza formativa, deve essere in grado di rispondere alla diversità delle richieste e delle esigenze didattiche ed educative che incontreranno in classe, contribuendo allo sviluppo di una scuola inclusiva e producendo un impatto positivo sullo sviluppo di comunità più inclusive.

Scarica il parere

Riforma, come si diventerà docenti di sostegno. Necessarie 300 ore di tirocinio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur