Diventa funzionario UE!

di
ipsef

red – La scuola ti ha stancato? La dirigenza non è il tuo forte, nonostante abbia vinto il concorso? Stanco di aspettare? Il precariato ti logora l’esistenza? Cambia lavoro! Ti interessa una carriera nelle Istituzioni europee? Partecipa al nuovo concorso EPSO! L’UE ti offre una carriera di “amministratore” nell’UE nel settore giuridico, dell’amministrazione pubblica europea, di audit, di comunicazione e di relazioni esterne.

red – La scuola ti ha stancato? La dirigenza non è il tuo forte, nonostante abbia vinto il concorso? Stanco di aspettare? Il precariato ti logora l’esistenza? Cambia lavoro! Ti interessa una carriera nelle Istituzioni europee? Partecipa al nuovo concorso EPSO! L’UE ti offre una carriera di “amministratore” nell’UE nel settore giuridico, dell’amministrazione pubblica europea, di audit, di comunicazione e di relazioni esterne.

La Commissione europea ha lanciato la procedura per assumere nuovi funzionari Ue. Per partecipare è necessario presentare la propria candidatura entro le ore 12.00 CET (ora di Bruxelles) del 17 aprile 2012 utilizzando il sito dell’EPSO, l’Ufficio europeo di selezione del personale.

L’EPSO accetterà candidature di laureati e di studenti all’ultimo anno di studi universitari. Com’è già accaduto nella precedente campagna d’assunzione, la Commissione ha voluto separare le candidature dei neolaureati e quelle di chi ha già un’esperienza professionale, in modo da consentire ai laureati che hanno già almeno sei anni di esperienza lavorativa nel proprio settore di essere assunti accedendo ad un grado superiore. Per partecipare è necessario essere cittadini di uno dei 27 Stati membri dell’Ue.

Per informazioni su come presentare la propria candidatura si può consultare la guida online .

Le prima fase di selezione consiste in:

  • un test che mira a valutare la capacità di ragionamento verbale, numerico e astratto del candidato. La prova si svolgerà nella lingua materna del candidato e avrà un peso del 50% sulla votazione finale.
  • una prova di "situational judgement", nella quale il candidato dovrà selezionare la risposta più e meno efficace ad una situazione professionale problematica. La prova si svolgerà in una delle tre lingue di lavoro della Commissione (inglese, francese o tedesco) e avrà un peso del 50% sulla votazione finale.

I candidati che avranno superato questa prima fase e che saranno risultati idonei, saranno invitati alla fase di valutazione di Bruxelles per prender parte ad una serie di test che mirano a valutare le competenze professionali relative al profilo scelto.

I candidati che avranno superato le prove di valutazione saranno iscritti in un "elenco di riserva", ossia nella banca dati dei vincitori di concorsi, tra i quali le istituzioni dell’UE scelgono poi chi assumere.

Per ottenere maggiori informazioni visitate il sito sulle carriere Ue.

Contributi video sulle figure professionali disponibili

Versione stampabile
anief
soloformazione