Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Disturbi specifici dell’apprendimento, consigli su come rendere la classe inclusiva

Stampa

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) sono la categoria di abilità diversa più ampia e in più rapida crescita nelle scuole pubbliche. L’”Individuals with Disabilities Education Act” del 2004 (IDEA) definisce gli SLD: «Il termine “disabilità specifica dell’apprendimento” o “disturbi specifici dell’apprendimento” indica un disturbo in uno o più dei processi psicologici di base coinvolti nella comprensione o nell’uso del linguaggio, parlato o scritto, il quale disturbo può manifestarsi nella capacità imperfetta di ascoltare, pensare, parlare, leggere, scrivere o eseguire calcoli matematici».

I casi DSA aumentano

Tra il 1986 e il 2019, il numero di studenti con difficoltà di apprendimento (DSA) che sono stati istruiti in classi regolari è aumentato di quasi il 50%, mentre la percentuale servita in aule risorse o classi separate è diminuita sostanzialmente (National Center for Educational Statistics, 1999). Quando consideriamo che molti studenti sono stati identificati per la prima volta come disabili dell’apprendimento proprio a causa della loro mancanza di successo scolastico nelle classi di istruzione generale, dobbiamo chiederci: è educativamente ragionevole rimettere questi studenti in classi inclusive?

Le difficoltà dei bambini

In altre parole, i bambini con difficoltà di apprendimento specifiche hanno difficoltà a parlare, scrivere, ortografare, leggere ed eseguire esercizi di matematica. Tipi di DSA Disturbi specifici dell’apprendimento possono includere disabilità percettive e Disturbi specifici dell’apprendimento che compromettono in modo significativo la capacità di un bambino di avere successo a scuola, ma non limitare così tanto un bambino da non poter partecipare con successo al programma di istruzione generale con supporto.

Inclusione e SLD (DSA)

La pratica di collocare bambini con difficoltà di apprendimento in classi con bambini “normali” o, come preferiscono gli educatori speciali, “in via di sviluppo tipico” è chiamata inclusione. Il posto migliore per un bambino con disturbi specifici dell’apprendimento è un’aula inclusiva. In questo modo lui o lei otterrà il supporto speciale di cui ha bisogno senza lasciare la classe. Secondo IDEA, la classe di istruzione generale è la posizione predefinita.

Non è più vero…

Prima della nuova autorizzazione di IDEA del 2004, c’era una regola di “discrepanza”, che richiedeva una discrepanza “significativa” tra l’abilità intellettuale di un bambino (misurata dal QI) e il suo funzionamento scolastico (misurato da test di rendimento standardizzati). A un bambino che leggeva al di sotto del livello scolastico che non ha ottenuto un buon punteggio in un test del QI potrebbe essere stato negato il servizio di educazione speciale. Non è più vero.

Sfide che i bambini con DSA presentano

Comprendere la natura di deficit specifici può aiutare un educatore speciale a progettare strategie didattiche per aiutare lo studente disabile a superare le difficoltà. Alcuni problemi comuni includono:

  • Difficoltà a discriminare le informazioni visive, che possono includere la dislessia.
  • Difficoltà nell’elaborazione delle informazioni visive o uditive.
  • Difficoltà a organizzare le informazioni visivamente o in sequenza.

Includere o non includere

Includere o non includere? Per rispondere a questa domanda, Genevieve Manset e Melvyn Semmel (1997) hanno studiato i successi scolastici degli studenti con DSA lievi in una varietà di programmi di inclusione. Hanno scoperto che gli effetti della programmazione inclusiva non erano impressionanti. Inoltre, Spencer Salend e Laurel Garrick-Duhaney (1999) hanno scoperto che i programmi di inclusione soddisfano efficacemente i bisogni educativi solo di alcuni studenti con disabilità lieve. Altri studenti, tuttavia, ottengono risultati scolastici migliori quando ricevono istruzione attraverso modelli tradizionali di educazione speciale come le sale delle risorse.

Il progresso scolastico

Nancy Waldron e James McLesky (1998) hanno confrontato il progresso scolastico degli studenti delle elementari nei programmi di inclusione con gli studenti dei programmi di non inclusione. Nella lettura, più studenti con DSA lievi hanno fatto progressi paragonabili ai loro coetanei di livello scolastico in contesti inclusivi rispetto agli studenti con DSA lievi che sono stati educati in contesti non inclusivi. In matematica, l’impostazione non ha influenzato la proporzione di studenti con DSA lievi o gravi che hanno compiuto progressi paragonabili ai loro coetanei di livello scolastico. Secondo i ricercatori, questi risultati sono simili alle indagini precedenti che hanno trovato differenze piccole o non significative sulle misure del rendimento scolastico per studenti con disabilità lievi in ​​contesti inclusivi rispetto agli studenti che sono stati inseriti in classi di istruzione speciale più tradizionali.

Le valutazioni degli insegnanti sui risultati degli studenti

Le valutazioni degli insegnanti sui risultati degli studenti hanno mostrato che il modello di servizio combinato (inclusione e comune) ha ricevuto la valutazione più alta e il modello di sola inclusione ha ricevuto la valutazione più bassa. Martson ha anche misurato il raggiungimento delle capacità di lettura degli studenti confrontando il numero di parole che gli studenti in ogni ambiente potevano leggere correttamente in autunno con il numero che potevano leggere correttamente in primavera. In autunno, gli studenti di sola inclusione potevano leggere correttamente una media di 28,82 parole, gli studenti dei servizi combinati potevano leggere 25,67 e gli studenti ritirati potevano leggere 24,45. In primavera, il numero di parole è aumentato per tutti e tre i modelli didattici. Gli studenti di sola inclusione leggono una media di 46,85, gli studenti dei servizi combinati leggono 56,28 e gli studenti ritirati leggono 42,22.

Il progresso di lettura degli studenti nel modello combinato inclusivo

Questi risultati indicano che il progresso di lettura degli studenti nel modello combinato è stato significativamente migliore rispetto al modello di inclusione o al modello di sola stanza delle risorse. Il guadagno medio del gruppo del modello combinato è aumentato dal 15 al 20% circa, mentre i gruppi di solo ritiro e di sola inclusione non hanno avuto cambiamenti in relazione ai gruppi normativi.

Modelli combinati

La ricerca suggerisce che qualsiasi criterio per giudicare l’efficacia dei programmi di inclusione deve includere l’intero ambito e la qualità dei servizi disponibili per gli studenti con DSA. Ciò di cui ha bisogno il campo dell’educazione speciale non è una visione ristretta dei servizi per gli studenti con DSA, ma piuttosto un impegno per un uso attento della gamma completa di opportunità educative. Un impegno condiviso da insegnanti di istruzione regolare e speciale (di classe comune o di sostegno) garantirà che tutti gli studenti ricevano una varietà di opportunità di apprendimento in tutti i contesti educativi.

Cos’è una scuola inclusiva?

Una scuola inclusiva significa che tutti gli studenti sono i benvenuti, indipendentemente dal sesso, dall’etnia, dal background socio-economico o dal bisogno educativo. Imparano, contribuiscono e prendono parte a tutti gli aspetti della vita scolastica.

Gli studenti disabili trascorrono la maggior parte o tutto il loro tempo a imparare con i loro coetanei e la scuola incoraggia la consapevolezza dei vantaggi reciproci dell’inclusione.

Quali sono questi vantaggi?

Non ci sono ricerche che mostrino effetti negativi dell’inclusione, se applicata con il supporto e i servizi necessari per gli studenti.

I vantaggi includono amicizie significative, rispetto, migliore apprezzamento e comprensione delle differenze individuali e preparazione per la vita adulta in una società diversificata.

Alcuni vantaggi sono sociali. Gli studenti possono creare amicizie durature che li aiutano a navigare nelle relazioni più avanti nella loro vita. In una classe inclusiva, possono vedere come interagiscono persone diverse.

Ci sono anche vantaggi scolastici. In una classe inclusiva ben progettata, gli studenti soddisfano le aspettative più elevate, sia dai loro coetanei che dai loro insegnanti. Possono anche vedere modelli di ruolo scolastici positivi nei loro compagni di classe.

Anche le famiglie possono trarne vantaggio. Ciò è particolarmente vero quando lo studente con bisogni educativi speciali è un figlio unico, i cui genitori potrebbero non essere in grado di adattarsi alla comunità, a meno che lo studente non sia in una scuola inclusiva.

La scuola deve organizzare numerose sessioni di orientamento e incontri tra genitori, specialisti e insegnanti, per supportare le famiglie degli studenti disabili.

Come dovrebbero prepararsi gli insegnanti per l’inclusione?

Nella scuola, gli insegnanti parlano con specialisti e studiano le valutazioni precedenti degli studenti, dentro e fuori l’aula. Successivamente, costruiscono un profilo per ogni studente.

Ogni profilo include informazioni su sesso, età, conoscenza della lingua e cosa motiva lo studente. Ci sono anche informazioni dai precedenti insegnanti sulle abitudini di apprendimento e sulla velocità dello studente (in modo che sappiano se offrire pratica extra o compiti modificati) e le osservazioni degli specialisti sui bisogni di apprendimento del bambino. Questi potrebbero includere dislessia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) o ritardo della parola e del linguaggio.

L’insegnante ha quindi una conversazione con ogni studente sui propri interessi e osserva lo studente durante il tempo libero. Questo aiuta l’insegnante ad adattare il proprio insegnamento alle esigenze di ogni bambino e a scrivere il tipo di modifiche e valutazioni da utilizzare nel programma di lezione settimanale.

Cosa rende la scuola inclusiva?

La scuola è inclusiva se offre un supporto extra per studenti con diverse esigenze di apprendimento.

Come è possibile verificare che tutti i bambini della classe vadano d’accordo?

Ci sono studenti con diverse capacità intellettuali, quindi bisogna offrire un ambiente rilassante per tutti. Questo non è sempre semplice. Alcuni bambini potrebbero essere riluttanti a includere i loro coetanei nelle conversazioni o nelle attività del parco giochi. Una mancanza di comprensione può provocare commenti offensivi o bullismo.

Per far fronte a questo, è necessario un piano per ogni fase della scuola, per assicurarsi che l’atmosfera sia di supporto e che tutti si sentano inclusi e compresi.

Come ci si avvicina all’inclusione per i bambini più piccoli?

È necessario un piano di intervento precoce che include tutti i bambini in età prescolare (dai tre ai cinque anni) per migliorare le capacità di tutti. Le prime classi prescolari includono studenti disabili con disabilità lieve. Questi bambini possono far fronte scolasticamente ai requisiti del curriculum, ma hanno bisogno di ulteriore supporto. Possono avere problemi di udito, autismo a livelli lievi all’interno dello spettro, iperattività, disturbi da deficit di attenzione o ritardi nel linguaggio e nella comunicazione.

Che supporto offrire agli insegnanti?

La scuola dovrebbe organizzare ogni anno un tirocinio formativo per insegnanti, con laboratori tenuti da specialisti dell’educazione speciale. Gli insegnanti imparano diversi stili di insegnamento, come essere consapevoli delle esigenze degli studenti disabili, quando riferire un problema a uno specialista scolastico e qual è il ruolo di ogni specialista.

Gli insegnanti imparano anche a conoscere i diversi studenti disabili attualmente iscritti a scuola, quindi sono meglio attrezzati per aiutarli a imparare. Prendendo tempo per preparare il team scolastico, è necessario creare un clima positivo a vantaggio degli studenti disabili. Ciò permette agli insegnanti di sentirsi più sicuri.

Che consiglio dare agli insegnanti per rendere le loro classi inclusive?

Trova un terreno comune. Non esistono due persone uguali, ma la maggior parte di noi ha qualcosa in comune. Se cerchiamo i modi in cui possiamo relazionarci gli uni con gli altri, indipendentemente dalle differenze, le nostre relazioni diventano più forti.

Insegna agli studenti a fare domande. Va quasi sempre bene chiedere informazioni sull’esperienza di un coetaneo disabile. La chiave è essere premurosi e rispettosi di quando, dove e come vengono poste queste domande. Tutti vogliono essere compresi e parlare aiuta gli studenti a vedere oltre il mistero di una disabilità.

Incoraggia gli studenti a mettersi in gioco e a mostrare responsabilità, lavorando con i loro coetanei. Nella scuola, gli insegnanti associano tra loro studenti con esigenze diverse e assegnano loro compiti pratici da completare insieme.

Come insegnante, dai l’esempio. Le tue azioni e le tue parole diranno ai tuoi studenti come comunicare, accettare e rispondere agli altri studenti. Non parlare solo dei punti deboli; sottolineare i punti di forza. Incoraggiamo i nostri studenti delle scuole superiori a rispettarsi a vicenda e cercare i punti di forza unici di ogni persona.

Non limitare l’inclusione in classe: includi anche attività extrascolastiche. Nella scuola, tutti gli studenti partecipano a spettacoli e celebrazioni di danza, canto e recitazione. Provano insieme e si sostengono a vicenda.

Quali sono i modi migliori per assicurarsi che le esigenze speciali dei bambini siano soddisfatte?

Una scuola può fornire rampe e bagni accessibili e adattati per quegli studenti che non sono fisicamente in grado di raggiungere i luoghi di cui hanno bisogno.

Gli insegnanti possono entrare in classe per lavorare faccia a faccia con uno studente. A volte gli studenti possono lasciare la stanza per una parte della giornata per l’attenzione individuale o per prendere parte a un gruppo di apprendimento più piccolo.

Ci sono anche cose che puoi fare in classe per rendere le cose più facili per tutti gli studenti. Ad esempio, un insegnante può indossare un microfono, in modo che uno studente con problemi di udito possa sentire più chiaramente.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!