Dispersione scolastica, Bianchi: “La rottura è fra le medie e le superiori ma non dappertutto. Intervenire col bisturi e non con la falce”

WhatsApp
Telegram

“Pensiamo sempre che sia qualcuno più furbo di noi. Parliamo ora del modello britannico, poi di quello finlandese, poi spagnolo. Noi stiamo facendo un lavoro che va dentro in tutte le specifiche situazioni. La dispersione scolastica non è spalmata in tutto il Paese in modo uguale. Bisogna intervenire col bisturi e non con la falce”.

Lo ha spiegato Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione, intervenendo a a “Il Caffè della Domenica” su Radio 24.

La rottura è fra le medie e le superiori. Si perdono fra i 16 e 17 anni. Si perdono soprattuto nelle aree a più alto disagio. Noi stiamo cercando di accompagnare i ragazzi“.

Infine, secondo Bianchi, “l’incontro fra scuola e lavoro non può essere casuale. Servono Patti di comunità territoriale. Sti sta lavorando a livello nazionale ma anche le imprese devono fare la loro parte“.

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?