Dispersione al Sud, ma soldi al Nord. Lombardia 2mln e 200, Sicilia 1mln e 500

di redazione
ipsef

red – Ci siamo persi qualcosa per strada? Non erano le regioni del Sud la palla al piede per la dispersione scolastica? Ma dai dati diffusi ieri dal MIUR relativamente alla ripartizione dei 15mln di euro per affrontare l’emergenza, le regioni del Nord fanno incetta.

red – Ci siamo persi qualcosa per strada? Non erano le regioni del Sud la palla al piede per la dispersione scolastica? Ma dai dati diffusi ieri dal MIUR relativamente alla ripartizione dei 15mln di euro per affrontare l’emergenza, le regioni del Nord fanno incetta.

Nel 2012 la popolazione di 18-24 anni con al più la licenza media che non frequentava altri corsi scolastici o attività formative superiori ai due anni era pari al 17,6%, in alcune aree del Paese restava al di sopra della soglia del 20%: ad esempio nel complesso delle regioni meridionali (21,1%). I dati sono forniti dal CENSIS.

 L’Europa chiede un rientro, entro il 2020, ad una soglia di dispersione del 10%. Una bella avventura, soprattutto se le risorse vengono dislocate nelle regioni del Nord con un tasso di abbandono superiore alle indicazioni dell’Europa, ma nettamente inferiore rispetto alle regioni de Sud.

Parliamo del finanziamento annunciato ieri dal Ministro con un comunicato e del quale oggi disponiamo delle tabelle contenenti la divisione dei fondi tra le varie parti del paese e che ha quale scopo la realizzazione di attività integrative e pomeridiane.

Diciamo subito dove sta il problema. Secondo noi l’eccessivo peso dato al criterio della popolazione scolastica per l’assegnazione dei fondi. Criterio che ha fatto pesare, ovviamente, le regioni del Nord che godono sia di un aumento della popolazione scolastica grazie agli emigranti del Sud che subiscono gli effetti della crisi e dell’assenza una seria politica di investimenti per la ripresa economica, sia degli emigranti extracomunitari, che sebbene approdino a Sud, sono costretti, già emigranti, a spostarsi a Nord per trovare lavoro.

Così troviamo una regione come la Lombardia, che ha una percentuale di dispersione pari al 15,3% avere 2.204.827 milioni di euro, mentre la Sicilia con il 25% di dispersione avere 1.564.807 milioni di euro. O la Sardegna, con una dispersione del 25,83% che avrà euro 492.820.

A voi le conclusioni


Via al bando per progetti didattici contro la dispersione. 15 milioni a scuole per attività integrative e pomeridiane Con decreto e criteri per presentare i progetti

Versione stampabile
soloformazione