Dispenser per assorbenti in una scuola di Torino. Il preside: “Sono una necessità, non un lusso”

WhatsApp
Telegram

L’iniziativa dell’Istituto Curie Levi a Torino di installare distributori di assorbenti gratuiti nei bagni delle ragazze è un passo avanti importante per la parità di genere e per il benessere delle studentesse.

Un’iniziativa importante, che va oltre la semplice “tampon box” già adottata in alcune scuole, e che offre prodotti ecologici in cotone organico biodegradabile. L’obiettivo è duplice: da un lato, garantire la salute e il benessere delle studentesse, fornendo loro un prodotto necessario in modo facile e gratuito. Dall’altro, promuovere la parità di genere e creare un ambiente scolastico più inclusivo.

“L’assorbente è una necessità, non un lusso, e dovrebbe essere accessibile a tutte le ragazze senza alcuna discriminazione”, ha dichiarato il preside Giampaolo Squarcina, che ha annunciato l’iniziativa in occasione dell’8 marzo. L’iniziativa del Curie Levi è in collaborazione con la startup milanese “This, Unique”, che si occupa di sradicare il tabù del ciclo mestruale nei luoghi pubblici e lavorativi.

Un passo avanti importante, che speriamo possa essere adottato da molte altre scuole. Offrire assorbenti gratuiti è un modo semplice e concreto per migliorare la vita delle studentesse e combattere le discriminazioni di genere. L’accesso ai prodotti mestruali è un diritto fondamentale, e la scuola può giocare un ruolo chiave nel promuoverlo. Inoltre, l’iniziativa del Curie Levi può contribuire a sfatare il tabù che ancora circonda le mestruazioni. È importante parlarne apertamente e senza imbarazzi, per educare le nuove generazioni e creare una società più giusta e inclusiva.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00