Disappunto e rabbia per anno di prova e formazione. Lettera

Stampa
Sono un docente neo-immesso in ruolo grazie alla famigerata “Buona scuola” e scrivo queste poche righe per manifestare il mio disappunto e la mia rabbia (mi si passi il termine!) per l’anno di formazione e prova che sto sostenendo e che spero finisca presto.
Sono un docente neo-immesso in ruolo grazie alla famigerata “Buona scuola” e scrivo queste poche righe per manifestare il mio disappunto e la mia rabbia (mi si passi il termine!) per l’anno di formazione e prova che sto sostenendo e che spero finisca presto.

A mio parere, ma mi pare di non essere l’unico a pensarla in questo modo, questo periodo è stato un vero calvario, tra bilanci delle competenze, portfolio, incontri formativi, ecc… (chi più ne ha più ne metta!!); soprattutto è stato un calvario inutile…..nulla di quanto prodotto ( e quanta roba!!) mi servirà nel lavoro che ogni giorno faccio con i miei ragazzi.
Questa è l’amara conclusione a cui sono giunto.
Spero solo che per il prossimo e i prossimi anni scolastici, per i futuri assunti in ruolo, tutta questa mole di lavoro inutile possa essere eliminata!!
Con rammarico e dispiacere.
Roberto Ghisalberti

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur