Disabilità e federalismo: ogni regione ha il suo welfare?

Di Lalla
Stampa

Anffas Onlus – Si svolgerà oggi venerdì 18 novembre a Roma – dalle 9.00 presso l’Hotel Palatino in via Cavour 213 – il convegno nazionale “Disabilità e Federalismo: tutti i protagonisti a confronto nel Welfare che cambia”, organizzato da Anffas Onlus con i patrocini di Anci, Regione Lazio, Roma Capitale e Conferenza delle Regioni e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Anffas Onlus – Si svolgerà oggi venerdì 18 novembre a Roma – dalle 9.00 presso l’Hotel Palatino in via Cavour 213 – il convegno nazionale “Disabilità e Federalismo: tutti i protagonisti a confronto nel Welfare che cambia”, organizzato da Anffas Onlus con i patrocini di Anci, Regione Lazio, Roma Capitale e Conferenza delle Regioni e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il convegno sarà aperto da Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas Onlus, a cui seguirà, per i saluti istituzionali, l’On. Giordano Tredicine, Presidente della V Commissione Consiliare Politiche sociali di Roma Capitale.

Tra le altre personalità istituzionali che parteciperanno al convegno vi sono Giacomo Bazzoni, presidente della Commissioni Affari Sociali e Welfare dell’Anci e Lorena Rambaudi – assessore alle politiche sociali, terzo settore, cooperazione allo sviluppo, politiche giovanili, pari opportunità della Regione Liguria – in rappresentanza della Conferenza delle Regioni che insieme a Pietro Barbieri, presidente della FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, prenderanno parte alla tavola rotonda pomeridiana.

In un periodo in cui la crisi sta gravando in misura sempre maggiore sulle fasce più svantaggiate della società a causa di tagli indiscriminati, la situazione sta divenendo più incerta ed ambigua per l’incedere lento ma inesorabile della riforma che istituirà il Federalismo, un progetto che pur non essendo ancora realtà ha già prodotto notevoli conseguenze.

Già oggi, infatti, le disparità di trattamento nelle regioni italiane in diversi ambiti sono una realtà, soprattutto in relazione alle politiche sociali, già pesantemente colpite dall’azzeramento del Fondo per la Non Autosufficienza e dalla progressiva riduzione di quello per le Politiche Sociali. Una situazione che sta trascinando in basso anche le Regioni “virtuose”, impossibilitate, a causa dei tagli, a portare avanti le “buone prassi” e che rende sempre più inadempienti le altre già in difficoltà.

In base alle informazioni e ai dati raccolti da Anffas Onlus attraverso i suoi organismi regionali (Lombardia, Liguria, Piemonte, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Veneto, Marche, Abruzzo, Toscana, Sardegna, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia), infatti, sono numerose le problematiche che le Regioni stanno affrontando con evidenti ricadute sulla vita delle persone con disabilità e sulle loro famiglie.

Tranne alcune eccezioni – come nel caso della Regione Liguria che ha visto il rifinanziamento del Fondo per la Non Autosufficienza del 50% e della Regione Lombardia che ha ripristinato il Fondo Sociale Regionale – infatti, la quasi totalità delle Regioni italiane sta affrontando, soprattutto in seguito alle recenti manovre finanziarie, gravi ripercussioni relativamente all’erogazione dei servizi destinati alle persone con disabilità e ai loro familiari.

Tra questi: la riduzione delle risorse a sostegno del costo dei servizi e la collegata richiesta di compartecipazione al costo, l’abbassamento della qualità e della stessa quantità dei servizi, il blocco degli inserimenti in strutture come centri diurni e simili, la carenza di servizi di trasporto e la carenza di assistenza specialistica nelle strutture scolastiche.

Una situazione esasperata, con conseguenti squilibri territoriali – se, infatti, in Calabria e Campania in tutte le aree (scuola, lavoro, assistenza, compartecipazione al costo, ecc.) relative alla disabilità sono segnalate forti criticità, nelle Marche le criticità maggiori riguardano l’inclusione lavorativa mentre in Sardegna è la questione “Dopo di Noi” a registrare problemi – a cui le realtà regionali stanno rispondendo in maniera differente, ad esempio: sblocco degli accreditamenti in Lombardia, congelamento liste d’attesa e dei budget assegnati alle AASSLL in Liguria, aumento degli interventi in regime di domiciliarità in Piemonte, servizi domiciliari attivati in maniera diversa in base ai comuni nella regione Calabria, tendenza al voucher di servizio in Sicilia.

Due fattori, però, uniscono le Regioni: la quasi totale assenza di dati regionali relativi alla lista d’attesa per accedere ai servizi, in particolare ai servizi di riabilitazione in età evolutiva, di semi-residenzialità e residenzialità, e
l’assenza di indagini o monitoraggi sul rapporto tra disabilità e povertà. Una mancanza, questa, che da tempo Anffas sottolinea poiché senza dati non è possibile realizzare politiche adeguate per andare incontro alle esigenze delle persone con disabilità.

Dichiara Roberto Speziale, Presidente Nazionale Anffas Onlus: “Le testimonianze dirette dei nostri rappresentanti regionali consentiranno di offrire una panoramica delle condizioni reali in cui versano i cittadini con disabilità nel nostro Paese e arrivare così all’obiettivo che da tempo stiamo cercando di raggiungere, ossia creare un dialogo fruttuoso tra le Istituzioni coinvolte nella tenuta dei sistemi di welfare e i principali esponenti del Terzo Settore”.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa