Disabile vessato, Procuratore: occorre che l’attività della scuola sia efficace

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Procuratore minorile di Taranto, Pina Montanaro, è intervenuta sull’inchiesta ‘Bad boys’ che ha visto coinvolti 8 minori per rapine, vessazioni, ed estorsioni a un 61enne con disagio psichico. Lo riferisce Ansa.

Questa vicenda è espressione di una profonda crisi di valori che colpisce in maniera particolare le agenzie educative. Ci deve essere un’azione sinergica di carattere educativo in generale della nostra società per cercare di arginare questo fenomeno che ormai sta assumendo dei caratteri abbastanza preoccupanti“.  Così il Procuratore minorile di Taranto parla della vicenda dell’uomo vessato a Taranto.

Montanaro ha poi aggiunto: “Occorre che l’attività anche della scuola, dei servizi sociali, dei soggetti e degli enti preposti che possono incidere a livello educativo, sia convergente ed efficace, ci troviamo al cospetto di quella che potremmo definire una baby gang, ma c’è anche un numero consistente di maggiorenni. Una commistione di soggetti. Micro organizzazioni sostanzialmente operanti nel territorio di residenza con una condotta deviante finalizzata sia a un ritorno di natura economica che alla semplice affermazione del proprio io, un rafforzamento della propria autostima“.

Colpisce il fatto che tra i 15 minori indagati ce ne siano tre sotto i 14 anni. E parliamo di condotte che durano da anni, quindi immaginate in che tenera età è iniziata questa condotta. E deve far riflettere il fatto che tre maggiorenni hanno iniziato a delinquere da minorenni. Una condotta criminale indisturbata” sottolinea il Procuratore.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione