Il diritto di voto per i docenti è difficile da esercitare se si è lontani. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviata da Maria Grazia Iezzi – Sono un’insegnante che dalla sua regione si è spostata in un’altra per motivi di lavoro e che ha studiato presso un’università in una regione diversa dalla propria.

Ogni volta che ci sono state le votazioni con difficoltà ho potuto esercitare il mio diritto al voto. Spesso pur potendo usufruire degli sconti sui mezzi di trasporto il viaggio risultava lungo e faticoso e per impegni di studio o lavorativi ho dovuto rinunciare al mio diritto al voto. Molti sono nella mia situazione, ormai le persone si trasferiscono frequentemente.

Uno stato democratico deve permettere a tutti i cittadini di esercitare un loro diritto fondamentale cioè quello di esprimersi attraverso il voto. E’ importante quindi trovare delle modalità attraverso cui molti giovani e lavoratori possano esercitare in modo meno difficoltoso un loro diritto essenziale in una democrazia che garantisca a tutti i cittadini pari diritti e doveri.

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare