Diritto ed economia in tutte le scuole superiori, la proposta di riforma piace ad Apidge

WhatsApp
Telegram

Apidge promuove la recente proposta di modifica della legge 92/2019 sull’insegnamento dell’educazione civica, con l’introduzione del diritto e dell’economia nel primo biennio di tutti gli istituti superiori di secondo grado

L’iniziativa della deputata pentastellata Elisabetta Maria Barbuto, secondo Ezio Sina, presidente dell’Associazione professionale insegnanti di discipline giuridiche ed economiche, va necessariamente approvata entro la fine della legislatura: “La legge 92 – conferma – tarda a decollare, anzi, sta creando disagi e confusione nella didattica di tutti i giorni. Questo è un disegno di legge che Apidge sostiene e condivide: il tempo dei tentativi, delle sperimentazioni, delle esperienze in educazione civica è finito. Gli alunni non sono cavie da sacrificare all’innovazione didattica, come attualmente sta avvenendo
nelle ore di educazione civica”.

“Chiediamo al legislatore – prosegue Sina – in ossequio a quanto dispone l’articolo 34 della Costituzione, di garantire le stesse opportunità di cittadinanza ai nostri studenti, assicurando a tutti loro, in una precisa fascia d’età, le basi del diritto e dell’economia. Si rispetti, inoltre, quanto prevede l’articolo 33 della Costituzione e si assicuri ai nostri docenti di svolgere il loro lavoro con professionalità, in conformità al principio della libertà di insegnamento”.

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro