Il diritto dell’insegnante ad essere felice

Di
WhatsApp
Telegram

red – Esiste nel nostro ordinamento giuridico il diritto dell’insegnante a star bene a scuola se non addirittura ad essere felici sul posto di lavoro?

red – Esiste nel nostro ordinamento giuridico il diritto dell’insegnante a star bene a scuola se non addirittura ad essere felici sul posto di lavoro?

La costituzione italiana non riconosce, a differenza di quella americana, il diritto alla felicità. Ma l’intervento giuridico deve creare i presupposti perché l’individuo possa costruire la propria felicità, anche sul posto del lavoro: come il diritto alla salute o al libero pensiero. 

Relazione di Raffaella Romano, avvocato esperto in diritto del lavoro, al convegno nazionale dal titolo: "Insegnare stanca, dal disagio allo stress … fino al burnout".

"Possibile che tutti gli insegnanti diventino matti? O sono solo i matti che fanno gli insegnanti?"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur