“DIRITTO ALL’ACCESSO IN A-28”, petizione laureati discipline scientifiche per accedere all’insegnamento

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Comunicato DIRITTO ALL’ACCESSO IN A-28: laureati in discipline scientifiche uniti! – Le regole per l’accesso alla classe di concorso A-28 (“Matematica e scienze alla scuola Media”) presentano diverse irregolarità che si sono accumulate nel tempo, discriminando ingiustamente certi laureati in discipline scientifiche in favore di altri.

Risultano infatti esclusi dalla A-28 i laureati in Farmacia e CTF, Chimica Industriale, in diverse discipline ingegneristiche, in “Tecnologie Alimentari” ed Informatica, laddove l’accesso è concesso, oltre a matematici e fisici, anche a laureati in biologia, biotecnologie, nutrizione, agraria, zootecnica, scienze della navigazione e non solo.

Per porre fine a questa discriminazione, è stata creata una petizione che punta ad estendere questo diritto anche ai laureati LM, LS e V.O. in queste aree scientifiche attualmente escluse, a condizione che siano stati sostenuti esami nei settori MAT,CHIM, BIO, FIS e GEO.

Subito sotto, il link della petizione: http://chng.it/s5zxy8q2

In particolare, si noti che dall’anno 2019/2020 sarà richiesto ai neolaureati nelle classi di laurea ad oggi autorizzate ad accedere alla cattedra, di possedere almeno 132 crediti nei settori scientifico disciplinari MAT, FIS, CHIM, GEO, BIO, INF/01 o INF-ING/05; in essi dovranno esserci almeno 30 crediti in MAT, 12 in FIS, 6 in CHIM, 6 in GEO, 6 in BIO, 6 in INF/01 o in ING-INF/05 o in SECS-S/01.
Queste integrazioni serviranno a garantire che i futuri insegnanti nella classe di concorso abbiano una formazione completa su tutte le discipline della CDC, cosa attualmente riconosciuta come “quasi impossibile” dal MIUR con il solo percorso di laurea magistrale, a causa dell’enorme eterogeneità tra le discipline da affrontare.

Tenuto conto del gran numero di integrazioni previste per i nuovi neolaureati, dall’anno prossimo solo una piccola parte dei laureati nelle classi di laurea ad oggi autorizzate avrà effettivamente accesso alla classe di concorso: ciò porterà ad una forte diminuzione nel numero di possibili candidati coi requisiti per accedere alla CDC, con uno svuotamento sul lungo termine della CDC.
Per questo, estendere l’accesso alla A-28 anche ai laureati nelle branche “scientifiche” attualmente escluse (in presenza dei nuovi requisiti curriculari nel caso dei neolaureati, o di integrazioni ad hoc se laureati prima del 2018/2019) non comporterà una saturazione della CDC, ma consentirà semplicemente di insegnare in A-28 a tanti laureati desiderosi di farlo.

Per permettere a tutti gli interessati di seguire lo sviluppo della petizione, è stato creato anche un gruppo Facebook dedicato

Ruben Philip Impellizzeri

Versione stampabile
anief banner
soloformazione