Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Diritto alla pensione con pochi contributi, non sempre spetta

WhatsApp
Telegram

Con pochi anni di contributi non sempre spetta la pensione di vecchiaia e a volte non è riconosciuto neanche l’assegno sociale.

Non sempre è possibile raggiungere il diritto alla pensione, soprattutto se i contributi versati non sono molti. Per accedere alla pensione di vecchiaia, infatti, servono almeno 20 anni di contributi. Solo in alcuni casi specifici la pensione può slittare a 71 anni di età e richiedere solo 5 anni di contributi.

Scopriamo le possibilità di una nostra lettrice che ci scrive per chiedere:

Gentilissimi buongiorno, chiedo cortesemente di sapere se ho diritto ad usufruire di un diritto di pensione.
Sono nata il 26 febbraio 1958, ho lavorato presso un privato come commessa,dove mi ha versato contributi dal 1974 al 1982, dopo solo casalinga, .
Sono sposata con un dipendente pubblico . In pensione con comunione di beni.
Grazie mille

Diritto alla pensione

Purtroppo al compimento dei 67 anni non le spetterà alcuna pensione. Se gli unici contributi che ha versato sono quelli di cui mi scrive, lei ha totalizzato 8 anni di versamenti e per avere diritto alla pensione di vecchiaia servono almeno 20 anni di contributi.

La pensione a 71 anni con almeno 5 anni di contributi è rivolta solo a coloro che hanno iniziato i versamenti a partire dal 1996 e ricadono interamente nel sistema contributivo. I suoi contributi, invece, sono interamente versati prima di tale data.

E non può ambire neanche a ricevere l’assegno sociale, quello che spetta senza contributi, perchè in quel caso è necessario versare in uno stato di disagio economico che deve essere dimostrato con il proprio reddito personale e con quello coniugale che non deve superare una certa soglia (molto bassa) annuale.

Se suo marito percepisce una pensione da dipendente pubblico difficilmente rientrerete nei redditi coniugali che danno diritto all’assegno sociale. E quindi, al compimento dei 67 anni a lei non spetterà assolutamente nulla. La pensione, in Italia come nella maggior parte degli altri Paesi, infatti, è legata al lavoro svolto e a determinati requisiti contributivi oltre che anagrafici. Requisiti che, purtroppo, lei non possiede.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Diventa docente di sostegno, bando a breve: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro