Diritti a Scuola, Uil: intesa per riconoscimento punteggi al personale docente

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Uil – L’Assessore regionale Sebastiano Leo e il direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Puglia Anna Cammalleri, su pressante richiesta della UIL Scuola e delle altre organizzazioni sindacali, hanno sottoscritto una intesa in cui prendono atto e recepiscono l’atto aggiuntivo al protocollo del 16 dicembre 2016, sottoscritto dal Ministro Valeria Fedeli e il Presidente Michele Emiliano, finalizzato al riconoscimento del punteggio di “Diritti a Scuola” al personale docente.

“Finalmente si pone fine a una vicenda – spiega Gianni Verga, Segretario generale della UIL Scuola Puglia – che, addirittura, aveva attirato l’attenzione di un partito politico che, considerato il momento, si era dichiarato disponibile a “sponsorizzare” i ricorsi mediante pubblicazione, su un importante quotidiano, del proprio ufficio legale e, addirittura di un numero cellulare da contattare. Purtroppo, come spesso accade in certi frangenti, si cerca di speculare sulle questioni della scuola in cerca di qualche sacca di consenso pre-elettorale, anziché sostenere nei luoghi di decisione politica le ragioni dei lavoratori”.
Verga, che se da un lato dichiara la soddisfazione della UIL Scuola per l’ottenimento del punteggio da parte del personale docente, dall’altro esprime amarezza per il mancato pieno riconoscimento del servizio relativo al personale ATA. “Quest’ultima determinazione – continua Verga – rinverrebbe da una errata convinzione del MIUR di non voler incrementare le graduatorie permanenti degli ATA al fine di non creare nuovo precariato, disconoscendo che in Puglia quelle stesse graduatorie non sono assolutamente sufficienti a soddisfare le numerose supplenze assegnate dai Provveditorati, in quanto si ricorre sistematicamente alle graduatorie d’istituto con supplenze conferite dai Presidi. Continueremo a insistere affinché anche il personale ATA abbia il giusto riconoscimento”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare