Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Diritti e doveri: il buon cittadino digitale”: scarica UdA per una III liceo scientifico

Stampa

Alla base dell’apprendimento nelle tecnologie digitali c’è un insieme di concetti chiave (delineati di seguito e anche nell’allegato) che stabiliscono un modo di pensare ai problemi, alle opportunità e ai sistemi di informazione e forniscono un quadro per la conoscenza e la pratica (in tutte le materie oggetto del nostro curriculo di istituto).

I concetti chiave di astrazione, raccolta di dati, rappresentazione e interpretazione

I concetti chiave di astrazione, raccolta di dati, rappresentazione e interpretazione, specifica, algoritmi e sviluppo, corrispondono agli elementi chiave del pensiero computazionale. Collettivamente questi concetti abbracciano le idee chiave sull’organizzazione, la rappresentazione e l’automazione delle soluzioni e delle informazioni digitali. Possono essere esplorati in contesti non digitali o digitali ed è probabile che siano alla base dei futuri sistemi digitali e forniscano un linguaggio e una prospettiva che studenti e insegnanti possono utilizzare quando discutono di tecnologie digitali.

L’astrazione è una parte naturale della comunicazione

L’astrazione implica il nascondere i dettagli di un’idea, un problema o una soluzione che non sono rilevanti, per concentrarsi su un numero gestibile di aspetti. L’astrazione è una parte naturale della comunicazione: le persone raramente comunicano ogni dettaglio, perché molti dettagli non sono rilevanti in un dato contesto. L’idea di astrazione può essere acquisita fin dalla tenera età. Ad esempio, quando agli studenti viene chiesto come preparare il pane tostato per colazione, non menzionano esplicitamente tutti i passaggi, supponendo che l’ascoltatore sia un ideatore o “implementatore” intelligente delle istruzioni astratte. Fondamentale per la gestione della complessità dei sistemi informativi è la capacità di “ignorare temporaneamente” i dettagli interni dei sottocomponenti di specifiche, algoritmi, sistemi o interazioni più ampi. Nei sistemi digitali, tutto deve essere suddiviso in semplici istruzioni.

Proprietà dei dati, raccolta e rappresentazione

I concetti di dati si concentrano sulle proprietà dei dati, su come vengono raccolti e rappresentati e su come vengono interpretati nel contesto per produrre informazioni.

La raccolta dei dati descrive i fatti numerici, categoriali e testuali misurati, raccolti o calcolati come base per la creazione di informazioni e la loro rappresentazione binaria nei sistemi digitali.

La rappresentazione dei dati descrive come i dati vengono rappresentati e strutturati simbolicamente per l’archiviazione e la comunicazione, dalle persone e nei sistemi digitali.

Il curriculum di Tecnologie Digitale offre opportunità di acquisire una profonda conoscenza della natura dei dati

L’interpretazione dei dati descrive i processi di estrazione del significato dai dati.

Questi concetti nelle tecnologie digitali si basano su un filone di statistica e probabilità corrispondente nel curriculo di matematica.

Il curriculum di Tecnologie Digitale offre opportunità di acquisire una profonda conoscenza della natura dei dati e della loro rappresentazione, e capacità di calcolo per l’interpretazione dei dati. I concetti relativi ai dati offrono ricche opportunità per l’esplorazione autentica dei dati in altre aree di apprendimento, sviluppando al contempo le capacità di elaborazione e visualizzazione dei dati.

I concetti di algoritmi si concentrano sulla definizione e comunicazione precisa dei problemi e delle loro soluzioni

I concetti di algoritmi si concentrano sulla definizione e comunicazione precisa dei problemi e delle loro soluzioni. Questo inizia con la descrizione dei compiti e si conclude con la definizione accurata dei problemi computazionali e delle loro soluzioni algoritmiche. Questi concetti derivano dalla logica, dall’algebra e dal linguaggio della matematica e possono essere correlati al metodo scientifico di registrazione degli esperimenti nella scienza:

  • La specifica descrive il processo di definizione e comunicazione di un problema in modo preciso e chiaro. Ad esempio, spiegando la necessità di indirizzare un robot a muoversi in un modo particolare.
  • Un algoritmo è una descrizione precisa dei passaggi e delle decisioni necessarie per risolvere un problema. Gli algoritmi dovranno essere testati prima di poter implementare la soluzione finale. Chiunque abbia seguito o dato istruzioni, o navigato utilizzando le indicazioni, ha utilizzato un algoritmo. Le capacità di pensiero algoritmico possono essere sviluppate senza programmazione. Ad esempio, gli studenti possono seguire i passaggi all’interno di una ricetta o descrivere le istruzioni per individuare gli articoli.
  • Lo sviluppo descrive l’automazione di un algoritmo, tipicamente utilizzando un software appropriato o scrivendo un programma per computer.

Il concetto di sistemi digitali si concentra sui componenti dei sistemi digitali

Il concetto di sistemi digitali si concentra sui componenti dei sistemi digitali:

  • Hardware e software (architettura del computer e sistema operativo)
  • Reti e Internet (reti e protocolli wireless, mobili e cablati).

La definizione più ampia di un sistema informativo che include dati, persone, processi e sistemi digitali rientra nel concetto di interazioni e impatti.

Gli aspetti dell’interazione umana con e attraverso i sistemi di informazione

Il concetto di interazioni e di impatti si concentra su tutti gli aspetti dell’interazione umana con e attraverso i sistemi di informazione e sull’enorme potenziale di impatti economici, ambientali e sociali positivi e negativi consentiti da questi sistemi:

Le interazioni si riferiscono a tutte le interazioni umane con i sistemi di informazione, in particolare le interfacce e le esperienze utente, e le interazioni uomo-uomo, compresa la comunicazione e la collaborazione facilitata dai sistemi digitali. Questo concetto riguarda anche i metodi per proteggere i dati e le informazioni archiviati e comunicati.

L’analisi e la previsione della misura in cui le esigenze personali, economiche, ambientali e sociali vengono soddisfatte

Gli impatti descrivono l’analisi e la previsione della misura in cui le esigenze personali, economiche, ambientali e sociali vengono soddisfatte attraverso sistemi e dispositivi digitali esistenti ed emergenti; e apprezzare il potenziale di trasformazione dei sistemi digitali nella vita delle persone. Implica anche la considerazione del rapporto tra i sistemi di informazione e la società e in particolare gli obblighi etici e legali di individui e organizzazioni in materia di proprietà e riservatezza dei dati e delle informazioni.

Gli studenti risolvono problemi e creano e comunicano informazioni

Quando gli studenti risolvono problemi e creano e comunicano informazioni, applicheranno abilità e protocolli per soddisfare i loro obblighi e responsabilità legali, di sicurezza, culturali ed etici. Ad esempio, vengono applicati protocolli come l’utilizzo di un linguaggio accettabile, il riconoscimento di pratiche culturali diverse e l’utilizzo di password e impostazioni di privacy sui siti di social media per aumentare la sicurezza dei dati personali e per rispettare i partecipanti negli ambienti online.

Dati e informazioni e Sistemi digitali

Gli studenti attingono al contenuto dei filoni “Dati e informazioni e Sistemi digitali” quando applicano processi e competenze tecniche relative al filone Creazione di soluzioni digitali. All’interno di questo filone, gli studenti applicano i processi correlati di analisi, progettazione, sviluppo e valutazione per creare soluzioni digitali. I processi possono essere applicati utilizzando un approccio agile o sequenziale.

Man mano che i problemi diventano più complessi e le soluzioni più sofisticate, diventa sempre più necessario per gli studenti sviluppare abilità nell’astrazione. Le soluzioni possono essere sviluppate utilizzando combinazioni di applicazioni hardware e software prontamente disponibili e / o istruzioni specifiche fornite tramite la programmazione. Gli studenti possono anche impegnarsi in attività di apprendimento che non richiedono il pieno utilizzo di tutti i processi. Ciò significa che vi è una maggiore flessibilità quando vengono introdotte descrizioni di contenuto diverse nel programma di apprendimento all’interno di una banda.

L’UdA per una terza liceo scientifico

Di particolare interesse è l’UdA “Diritti e doveri: il buon cittadino digitale” all’interno del percorso di educazione civica, creata per gli alunni di una classe terza del liceo scientifico dell’IIS “ASSTEAS” di, guidato dalla dirigente scolastico professoressa Ornella Pellegrino. Coordinatori dell’UdA la professoressa Fiorella Pirozzi e la prof.ssa Vincenza Di Leo.

UdA – TERZO ANNO LIceo scientifico

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur