Dirigenti a tempo determinato. Dopo proposta Renzi, AND lancia idea del preside eletto. Confedir: “Renzi proposta indecente”

red – E’ dibattito sulla proposta di Renzi di eliminare il "tempo indeterminato" per i dirigenti pubblici. Alla proposta rispondono, con posizioni diverse, l’Associazione Nazionale Docenti e la Confedir.

red – E’ dibattito sulla proposta di Renzi di eliminare il "tempo indeterminato" per i dirigenti pubblici. Alla proposta rispondono, con posizioni diverse, l’Associazione Nazionale Docenti e la Confedir.

La prima, l’AND, si rivolge a Renzi chiedendo che si inizi proprio dalla scuola, lanciando la proposta di un preside eletto e a tempo, anziché un dirigente scolastico a vita (lavorativa).

“Abbiamo più volte rappresentato l’esigenza indifferibile -scrive in una nota Francesco Greco, presidente dell’Associazione Nazionale Docenti- di superare l’attuale modello dirigistico e monocratico imposto alla scuola con l’inquadramento del capo di istituto nel ruolo burocratico della dirigenza amministrativa che sta producendo effetti nefasti nell’organizzazione scolastica e nei rapporti con le diverse componenti professionali che operano nella scuola."

"Dopo tre lustri di dirigenza scolastica, -continua Greco- le scuole hanno visto peggiorare in maniera esponenziale la qualità del clima scolastico, sono cresciuti i conflitti interni, di cui la manifestazione più evidente sono le diverse cause di mobbing pendenti nei tribunali italici, non è migliorata la qualità organizzativa della nostra scuola in termini di efficienza e di efficacia, né la qualità dei profitti dei nostri studenti. Molto meglio allora reimpostare il governo della nostra scuola su criteri democratici, con un preside eletto e a tempo, che continuare a spendere oltre 550 milioni di euro per mantenere un apparato di oltre 8.000 dirigenti scolastici."

"La proposta di Renzi – conclude Greco – ha, dunque, tutta la nostra attenzione, a lui e al PD, e alle altre forze politiche interessate, chiediamo che si parta dalla scuola con una riforma organica che proprio nella scuola possa valorizzare i principi cardini della nostra Costituzione."

Di diverso avviso la Confedir, che in un comunicato stampa si chiede se "il Segretario del PD conosca o meno le regole sulla Pubblica Amministrazione, soprattutto quelle relative ai dirigenti". E ricordano che "i dirigenti pubblici accedono ad una carriera con concorso pubblico, da non confondersi con gli incarichi temporanei (attribuiti/concessi dal politico di turno), gli viene conferito un incarico a tempo determinato, sottoposto a valutazione conclusiva con revoca o conferma dell’incarico stesso."

L’idea di Renzi, lanciata in occasione del suo Job Act, non piace proprio alla "Confederazione Autonoma dei Dirigenti Quadri e Direttivi della PA", ed invita il segretario ad un tavolo specifico per la dirigenza pubblica per un confronto franco e costruttivo.

Vedi anche

Job act e alternanza scuola-lavoro: adesso che succede? Aprea: "Renzi non centra l’obiettivo. In Lombardia ne abbiamo uno migliore". Europa, invece, lo promuove

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze