Dirigenti scolastici, Udir: Governo apre su retribuzioni e sicurezza. Lettera

WhatsApp
Telegram

Fortunata Cammilleri – A me fa piacere sentire che il 21 settembre si parlerà della sicurezza e dell’aumento delle retribuzioni dei D.S., e da un certo punto di vista, sarebbe giusto che venissero adeguate alle retribuzioni degli altri dirigenti, dall’altro, mi sovviene che si sta parlando di un mucchio di soldi, e non mi riferisco solo allo stipendio, ma anche a tutte quelle attività che non appaiono come stipendio… anche giustamente.

E’ vero, hanno molte responsabilità, devono lavorare molto, ed essere molto aggiornati… ma del lavoro dei docenti, che si protrae a casa, della formazione degli stessi, delle loro responsabilità… dell’usura cui vanno incontro giorno dopo giorno, se ne vuole parlare? E dei docenti che hanno una carrellata di impegni, compiti, scadenze a cui devono attenersi, nonché dei logorio che subiscono i loro nervi nei rapporti con genitori, studenti (sempre più aggressivi e sfrontati, con poca o nessuna voglia di studiare)… di queste cose ne vogliamo parlare? Vogliamo anche ammettere che pur essendo quelli che formano intere generazioni di futuri dirigenti, studiosi, o altro, sono anche coloro che sono più maltrattati in questo periodo storico? E di chi la responsabilità se non di una pedagogia che giustifica sempre ogni loro azione, ogni loro atto… che li coccola, perché adesso sono considerati preziosi utenti?

Sottrarre ogni potere al docente, riducendolo alla fame, mi appare la metafora di una cultura maschilista che nei millenni ha messo da parte la donna, spogliandola anche della possibilità di dare il proprio nome a ciò che ha creato… ai propri figli, togliendole anche l’anima.

Credo che non sia un caso se la popolazione scolastica, man mano che l’elemento femminile abbondava sempre più, abbia perso i propri privilegi di professionista… Non so se sto sbagliando analisi, ma mi appare tanto evidente l’equazione! Di fatto abbiamo perso la dignità di essere insegnanti. E chi potrà farcela ormai più recuperare?

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti