Dirigenti scolastici, si risolva disparità ricorrenti 2011 e 2004/06. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Prof.ssa Roberta Voltarella Presidente Associazione Dirigere Una Scuola Migliore – Illustrissimo Sig. Ministro, ho atteso alcuni giorni prima di scriverLe perché immagino quanti incontri e quante richieste abbia avuto in calendario.

Ho atteso alcuni giorni prima di scriverLe perché mi piacerebbe essere ascoltata e considerata una buona risorsa per la risoluzione delle problematiche legate al reclutamento dei dirigenti scolastici che, alla luce dei fatti, sono diventati argomento di centinaia di Ricorsi Legali per un valore economico di centinaia di migliaia di euro.

Nonostante Lei sia il Ministro dell’Istruzione, suo malgrado, in questo momento è diventato il nemico n. 1 di migliaia di aspiranti Dirigenti scolastici che si sono preparati il sabato e la domenica, durante le vacanze di Natale e di Pasqua, nei mesi di luglio e di agosto invece di riposarsi per superare il Concorso.

La storia insegna che un Grande Generale ha un grande esercito pertanto ritengo che le migliaia di docenti ricorrenti potrebbero diventare la Sua risorsa, la Sua capacità di dimostrare un’intelligenza illuminante e il coraggio di cambiare marcia.

Mi spiego meglio Sig. Ministro: la legge 107/2015 al comma 87 prevede un corso abilitante per risolvere l’emergenza reggenze che abbiamo ancora oggi PERO’ al comma 88 dà vita ad una disparità di trattamento tra i ricorrenti 2004/2006 e i ricorrenti 2011.

I ricorrenti 2004/06 sono ammessi al corso se in possesso di un giudizio pendente e MOLTI MOLTISSIMI NOMI NOTI NEL MIUR sono diventati Dirigenti Scolastici così.

I ricorrenti 2011 sono ammessi al corso INVECE se hanno almeno un grado di giudizio favorevole e chi, come me, è ancora in attesa di giudizio E’ STATO ESCLUSO.

Ovvio che i ricorrenti abbiano fatto Ricorso al Consiglio di Stato che ha chiesto consiglio alla Corte Costituzionale e, considerando i tempi della giustizia Italiana, sono passati 4 anni durante i quali mia figlia si è sposata e ha partorito 2 figli.

In altre parole, la vita va avanti, i panorami cambiano, gli Avvocati si arricchiscono e chi, ha grinta da vendere come me spreca i suoi anni migliori fermo al palo come un mendicante.

Allora Sig. Ministro, ho messo insieme i ricorrenti 2011 nell’Associazione DIRIGERE UNA SCUOLA MIGLIORE supplicandola di evitare un ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani per ottenere un risarcimento danni.

ECCO QUA LA MIA PROPOSTA SIG. MINISTRO:

i ricorrenti 2011 sono diventati non più di 500, li renda parte attiva del suo esercito con un emendamento che risolva la disparità di trattamento con i ricorrenti 2004/06 e ascolti i loro consigli per far entrare nella sua squadra anche i ricorrenti 2017 e cambiare le modalità di reclutamento una volta per sempre…….. basta con queste domande da “Rischiatutto”, andavano di moda negli anni ’70.

Io sono disposta a lavorare notte e giorno al suo fianco per tornare a dare pace a tutti i ricorrenti, a riconsiderare il MIUR la culla dei Docenti e della cultura, per tornare ad essere un Paese concorrenziale e innovativo.

Mi creda Sig. Ministro, le creerò una squadra così forte che neanche ANNIBALE se la sognava.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione