Dirigenti scolastici neoassunti 2022/23: le linee operative per la formazione e la valutazione [PDF]

WhatsApp
Telegram

Con nota 40085 il Ministero dell’Istruzione e del Merito trasmette le “Linee operative per la formazione e la valutazione dei dirigenti scolastici neoassunti a.s. 2022-2023”. Le indicazioni seguono il DM 956/2019 contenente “Disposizioni concernenti il periodo di formazione e di prova della dirigenza scolastica”.

Le scuole possono valutare se svolgere le attività in presenza o da remoto, rispettando le misure anti Covid in caso di attività in presenza.

Il periodo di formazione e prova ha una durata pari all’anno scolastico, nel corso del quale dovrà essere prestato un servizio effettivo di almeno sei mesi. È possibile sospendere tale periodo in caso di malattia e negli altri casi espressamente previsti dalle leggi o dagli accordi collettivi.

Due i percorsi: l’attività di accompagnamento e l’attività di formazione.

L’attività di accompagnamento
Per quanto concerne l’attività di accompagnamento, della durata di 25 ore, gli Uffici Scolastici Regionali avvalendosi della collaborazione di dirigenti scolastici con funzione di tutor, avranno cura di organizzare iniziative orientate a sostenere il neoassunto nella complessa fase di ingresso nel nuovo ruolo. Saranno attivati momenti di confronto tra pari, che faranno riferimento a modalità collaborative in vista della costruzione di comunità di pratiche.

Questi momenti di scambio tra tutor e neoassunti, in una dimensione individuale o a piccoli gruppi saranno correlati, di massima, con il calendario delle scadenze significative della vita della scuola che compongono un ideale cronoprogramma degli impegni, e consentiranno di affrontare aspetti professionali dell’attività precipua con particolare riferimento a:

  • operazioni connesse con l’avvio dell’anno scolastico;
  • organizzazione del lavoro del personale (piano annuale delle attività, funzionigramma, ecc.);
  • definizione della contrattazione di Istituto e delle forme di incentivazione del personale;
  • elaborazione del Piano delle azioni formative di istituto, compresi gli impegni per l’anno di formazione del personale docente neoassunto;
  • predisposizione dei documenti strategici della scuola (Piano triennale dell’offerta formativa, Rapporto di Autovalutazione, Piano di miglioramento, Rendicontazione sociale);
  • cura per la sicurezza e la prevenzione dei rischi e per la gestione di situazioni di emergenza;
  • rapporti con il DSGA;
  • gestione amministrativo-contabile dell’istituto;
  • gestione giuridico-amministrativa del personale e gestione del contenzioso;
  • trasparenza, pubblicità legale e tutela della privacy;
  • gestione degli Organi Collegiali e rapporti con le OO.SS.;
  • predisposizione delle diverse fasi relative alle iscrizioni degli alunni;
  • definizione degli organici del personale;
  • gestione delle diverse fasi della valutazione, dal sistema degli scrutini e degli esami ai rapporti con Invalsi

L’attività di formazione
Le attività formative, della durata di 50, saranno organizzate dagli UU.SS.RR di norma, per gruppi possibilmente non superiori non superiori a 21 dirigenti neoassunti e, ove possibile, saranno articolate per grado di istituzione scolastica.

Le iniziative formative da avviare devono far riferimento alle attività connesse con il profilo del dirigente scolastico, secondo le aree definite dal D.M. n. 956/2019:
a. Area dell’ordinamento scolastico;
b. Area giuridico amministrativa;
c. Area professionale e formativa

Linee operative

D.M.-956_16.10.2019

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur