Dirigenti scolastici, la classifica regionale degli aspiranti presidi

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

E’ stata la Campania la regione con il numero più alto di candidati alla prove preselettiva del concorso a dirigente scolastico.

Nella “campagna felix” il numero di aspiranti presidi che si è presentato alle prove è stato 4.107 rispetto ai 6.082 iscritti (altro record). Le donne sono state numericamente più determinate (3.105) rispetto agli uomini (1.002) nel tentare la carriera dirigenziale.

Con la ripartizione donna – uomo, la Campania risulta ancora in testa alla classifica dei partecipanti effettivi per componente femminile, mentre cede il posto alla Sicilia in fatto di partecipanti uomini (1.021 su 3.357 concorrenti effettivi nell’Isola).

Nello spulciare le tabelle rese pubbliche dal Miur e riportate già da Orizzonte Scuola, il Sud appare più affollato del Nord anche quando si concorre per la cattedra della massima rappresentanza dell’istituzione scolastica.

In questa tendenza, però, si registra l’eccezione del Lazio, terza regione in termini di candidati presenti, a quota 2.490 di cui 1.915 donne e 575 uomini.

La regione dove il posto da preside sembra essere meno attraente è il Molise, dove si sono presentati 183 candidati, ma anche qui con una netta predominanza delle donne (118), rispetto ai 65 uomini.

Le tabelle del Miur riportano i valori assoluti dei presenti (e degli iscritti) suddivisi per regione e per sesso, ma non sono stati calcolati i valori percentuali sulla popolazione regionale, né è stato calcolato il loro peso sulla componente relativa ai docenti (stabili e precari) o sul numero delle scuole.

Concorso dirigenti scolastici preselettiva, ecco i candidati ammessi per ciascuna regione

Versione stampabile
anief
soloformazione