Dirigenti scolastici in agitazione, ANP: ecco le azioni di protesta

WhatsApp
Telegram

Nei giorni scorsi, abbiamo riferito sullo stato d’agitazione proclamato dall’ANP a causa del fatto che i dirigenti scolastici sono sommersi da oneri ma sono privi di strumenti gestionali.

ANP, stato di agitazione dei dirigenti scolastici: no a reggenze e sì a chiamata diretta

L’Associazione dei Presidi ha indicato, in riferimento al summenzionato stato d’agitazione, le azioni di protesta da realizzare:

  • Non compilare il portfolio per la valutazione dei DS;
  • Non operare la chiamata per competenze nel mese di agosto;
  • Manifestare l’indisponibilità ad assumere reggenze per il prossimo anno scolastico;
  • Non avanzare candidature per incarichi non obbligatori conferiti dall’Amministrazione e ricusarli qualora se ne fosse investiti d’ufficio. Per esempio, non candidarsi per assumere l’incarico di coordinatore dei gruppi di ricerca-azione o quella di supporto per la dimensione digitale nell’ambito delle iniziative per la formazione dei dirigenti, che gli USR stanno promuovendo in questi giorni – Dare le dimissioni dagli incarichi non obbligatori già rivestiti;
  • Manifestare l’indisponibilità a surrogare l’Avvocatura dello Stato per la difesa nel primo grado di giudizio dell’Amministrazione;
  • Questionario scuola INVALSI: compilarlo solo nelle voci diverse rispetto allo scorso anno o in quelle in cui i dati siano cambiati. Non compilare le voci rimaste invariate.

Lo stato d’agitazione proclamato dall’ANP si accompagna alle proteste sollevate da altri sindacati riguardo agli eccesssivi carichi di lavoro e responsabilità, cui non corrisponde un’adeguata retribuzione.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur