Dirigenti Scolastici, Cisl: non pregiudicare le assunzioni decorrenti dal 1° settembre

Stampa

Cisl – Abbiamo appreso da fonti ministeriali che l’Amministrazione sta lavorando, di concerto con l’Avvocatura dello Stato, per evitare che vi siano conseguenze sulle assunzioni in corso dei dirigenti scolastici e che siano pregiudicati, per effetto di un decreto del TAR Lazio del 7 agosto, gli interessi dei vincitori di concorso attualmente in turno di nomina.

La Cisl Scuola esprime forte preoccupazione per gli effetti che il decreto potrebbe avere sulle assunzioni che debbono essere concluse entro il 31 agosto. Il decreto infatti dispone in via cautelare che l’Amministrazione debba consentire ai ricorrenti depennati dalla graduatoria concorsuale di accedere alla funzione Polis per la scelta della Regione di eventuale assegnazione. L’effetto sarebbe di rideterminare in graduatoria le posizioni utili per le assunzioni, in attesa della Camera di Consiglio per la trattazione collegiale, fissata per l’8 settembre.

Si ritiene dunque necessario che l’Amministrazione intervenga rapidamente per evitare non solo che sia fortemente alterato per effetto delle sole disposizioni cautelari l’ordine di assegnazione alle Regioni, ma che vi sia anche l’ipotesi di perdere irrimediabilmente posti destinati alle assunzioni per l’a.s. 2020/2021.

Paola Serafin, segretaria nazionale CISL Scuola con delega per la Dirigenza Scolastica

Concorso dirigenti: Tar Lazio ordina scelta regioni a ricorrenti, rischio slittamento assunzioni 1 settembre. TESTO

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur