Dirigenti scolastici che vanno in galera per responsabilità edilizia: Pd, modificare norme

Di
Stampa

I deputati Pd Gianna Malisani e Umberto D’Ottavio chiedono modifiche alle norme sulla responsabilità della sicurezza degli edifici scolastici.

I deputati Pd Gianna Malisani e Umberto D’Ottavio chiedono modifiche alle norme sulla responsabilità della sicurezza degli edifici scolastici.

La nroma da modificare è il decreto legislativo 81/2008 che attribuisce ai dirigenti scolastici, in quanto datori di lavoro, la responsabilità diretta nella gestione della sicurezza delle scuole.

Secondo i due piddini èopportuno porre mano a una revisione delle norme sulla responsabilità della sicurezza degli edifici scolastici.

L'esempio preso è quello del dirigente scolastico Livio Bearzi, preside del Convitto Nazionale dell'Aquila all’epoca del terremoto, accusato di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, e che è stato arrestato martedì 10 novembre e rinchiuso nelle carceri di Udine per la condanna a quattro anni di reclusione confermata in via definitiva a ottobre dalla Cassazione.

Il Governo ha già preso impegno a ‘una modifica normativa’ che prevederebbe ‘di limitare gli obblighi attualmente insistenti in capo al dirigente scolastico, quale datore di lavoro, alle sole aree e spazi che gestisce direttamente.

Gli altri spazi potrebbero essere individuati quali luoghi di esclusiva competenza ed accesso e quindi responsabilità dell'ente locale proprietario.

In sostanza la responsabilità del dirigente scolastico rimarrebbe inalterata per gli spazi gestiti ‘direttamente’, sarebbe esclusa per gli altri.

Misure inadeguante secondo Malisani e D'Ottavio e chedono di continuare l'azione già intrapresa in commissione Cultura, affinché siano emanate nuove norme atte a distinguere tra responsabilità didattiche e organizzative e quelle sulla sicurezza degli edifici.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar