Dirigenti non assillino docenti con continue circolari. Lettera all’ANP

Stampa
ex

Inviato da Mario Bocola -Gent.mo dott. Giannelli, la scuola italiana sta vivendo uno dei momenti più drammatici dal dopoguerra.

L’epidemia del Covid 19 ha cambiato radicalmente i nostri stili di vita, le nostre abitudini, il modo di rapportarsi con gli alunni.

L’unico modo per interagire con gli studenti è la didattica a distanza, grazie alle nuove frontiere della tecnologia che ci permette di continuare ad avere un rapporto (seppur virtuale) con i ragazzi e i docenti. Tuttavia Le voglio precisare che in tutta Italia molti Dirigenti Scolastici stanno “assillando” con circolari i docenti che, a loro volta, devono interfacciarsi con gli studenti e le famiglie.

Gli insegnanti con la didattica a distanza sono diventati professionisti dell’istruzione h24 sempre a disposizione con gli alunni. Lei che rappresenta la stragrande maggioranza dei Dirigenti Scolastici delle scuole italiane, si faccia promotore di sensibilizzare i presidi a non essere eccessivamente “burocrati”, ma ad essere molto vicini ai docenti, agli studenti e alle famiglie che si trovano in difficoltà.

Lei sa che ci sono famiglie con più figli che faticano a seguirli. I docenti, nella loro libertà d’insegnamento, devono essere messi in condizione dai Dirigenti Scolastici, di agire in piena libertà, cercando in questo momento di crisi epidemiologica, di escogitare strategie socio-didattiche che vanno a privilegiare soprattutto l’aspetto umano ed emozionale delle persone.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata