Dirigenti. Confedir sostiene sblocco della RIA e reintegro FUN

Stampa

red – In occasione della trasformazione in legge del DL 3 del 2014, la Confedir ha presentato alcuni emendamenti che riguardano i Dirigenti scolastici. Due gli obiettivi principali, corrispondere la RIA ai neo dirigenti e reintegrare il Fondo Unico Nazionale, la cui decurtazione causerà un taglio agli stipendi.

red – In occasione della trasformazione in legge del DL 3 del 2014, la Confedir ha presentato alcuni emendamenti che riguardano i Dirigenti scolastici. Due gli obiettivi principali, corrispondere la RIA ai neo dirigenti e reintegrare il Fondo Unico Nazionale, la cui decurtazione causerà un taglio agli stipendi.

"La Nota MIUR del 20 dicembre 2012 – affermano dalla Confedir – quantifica in 36.421.995,48 euro la Ria (Retribuzione Individuale di Anzianità, calcolata sulla base dell’anzianità maturata nella carriera direttiva n.d.r.) in godimento al 1 gennaio 2010 da parte dei dirigenti ancora in servizio, al 1 settembre 2012 era scesa a 15.798.881,41 euro e alla data odierna sarà ancora diminuita, a seguito degli ulteriori collocamenti a riposo; al 31 dicembre 2013 possiamo quantificare il risparmio in circa 25.000.000 di euro."

"A nostro avviso, continua il comunicato – il blocco delle retribuzioni stabilito dalla Legge 122/2010 non riguarda il conferimento della RIA dei pensionati, che costituisce appunto un risparmio di sistema e va quindi redistribuito tra i dirigenti in servizio, come succede in tutti i casi analoghi; per fare un esempio, rimanendo nel mondo della scuola: se il MOF non viene utilizzato per intero, non è che i risparmi vanno persi, vengono riutilizzati l’anno successivo."

La proposta avanzata è di fare della RIA ciò che è stato fatto con il MOF, una cui parte è stata utilizzata per la corresponsione degli scatti di anzianità

Il suggerimento è di utilizzare i 25.000.000 di euro della RIA (cifra disponibile a decorrere dal 1 gennaio 2014), non come una tantum, ma in via permanente, per:

  • corrispondere la RIA ai neo dirigenti, nella misura di 5.000.000 annui
  • reintegrare il FUN, nella misura di 15.803.305,16 euro annui
  • integrare il Fondo Regionale per le regioni ove la retribuzione di posizione variabile risulti essere inferiore a quella stabilita in applicazione del CCNL 2002/2005
  • utilizzare la quota residua e dei risparmi futuri per una ulteriore corresponsione della RIA ai neo dirigenti.

Dirigenti. Oltre al blocco contratto taglio dello stipendio di 1.700 euro annue

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur