Dirigente Taranto chiede di non assegnare compiti per le vacanze. Dilaga la tendenza

di Giulia Boffa
ipsef

Il preside dell'istituto comprensivo “Salvemini” di Taranto ha invitato i docenti del suo istituto a non assegnare compiti per le vacanze di Natale con una circolare in cui augurava buone feste.

Il preside dell'istituto comprensivo “Salvemini” di Taranto ha invitato i docenti del suo istituto a non assegnare compiti per le vacanze di Natale con una circolare in cui augurava buone feste.

La circolare sembra aver colto di sorpresa molti docenti, che hanno storto un po' il naso: non è infatti il ds che può metter bocca su questioni didattiche, mentre i genitori sono stati molto più contenti.

La tendenza recente del "no compiti" è in voga da quando l'OCSE ha rivelato che gli studenti italiani hanno troppo lavoro domestico rispetto ai compagni europei: 9 ore la settimana rispetto alla metà degli altri Paesi.

E' nata anche una campagna “Basta compiti”, che ha raggiunto oltre le 2.000 firme, e in cui si chiede l’abolizione dei compiti perché “sono inutili, dannosi, discriminanti, prevaricanti, impropri, limitanti, stressanti e malsani”.

Sorto anche un gruppo Facebook che ha 2.300 iscritti, che chiede l'intervento del MIUR nella questione, facendo appello ad una circolare ministeriale del 1969, che disponeva che “agli alunni delle scuole elementari e secondarie di ogni grado e tipo non fossero assegnati compiti scolastici da svolgere o preparare a casa per il giorno successivo a quello festivo”.

Non può mancare anche un blog dal nome bastacompiti.wordpress.com., che è tenuto da una ventina di docenti di tutt’Italia che fanno parte “dell’Albo docenti a compiti zero”.

circolare del dirigente

Ocse: troppi compiti a casa non garantiscono un migliore rendimento. Di' la tua

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione